Tempo di lettura: 1 Minuti

Si avvicina l’inizio della scuola… ma gli insegnanti non ci sono!

Si avvicina l’inizio della scuola… ma gli insegnanti non ci sono!

In Veneto sono stati assegnati quasi 4000 insegnanti, ma rimangono 3000 cattedre vuote. Negli ultimi giorni, l’ufficio scolastico regionale si è impe

Coursera: il nuovo modo di seguire dei corsi universitari o addirittura laurearsi online!
Villa Mirafiori: gli appuntamenti della settimana
Scuola italiana: 1 docente su 5 è supplente

In Veneto sono stati assegnati quasi 4000 insegnanti, ma rimangono 3000 cattedre vuote.

Negli ultimi giorni, l’ufficio scolastico regionale si è impegnato per assegnare tutte le cattedre, in totale 6224, che il Ministero dell’Istruzione aveva concesso al Veneto per l’anno scolastico che sta per iniziare.

Purtroppo però solo la metà di queste sono state assegnate, lasciando un buco di 2811 posti che dovranno essere occupati da supplenti che non sono ancora stati nominati.

Ma quali sono i motivi? Perché l’ufficio scolastico regionale si è trovato con 2811 posti ancora vacanti?

Secondo la Direttrice dell’ufficio, le principali motivazioni sono: il numero di rinunce al posto assegnato è stato elevatissimo e la mancanza di candidature per la posizione di insegnanti di sostengo.

Per cercare di risolvere il problema è stata aperta una seconda fase di assunzioni, per trovare dei sostituti a tutti coloro che hanno rinunciato al posto. In ogni caso sia l’ufficio regionale sia le segreterie delle scuole si stanno impegnando per trovare le supplenze prima dell’inizio delle lezioni.

La mancanza di insegnanti di sostegno è un grosso problema da affrontare, sono moltissimi i ragazzi che ne hanno bisogno e veramente pochi gli insegnanti che sono formati per questo ruolo. Pensate che i posti disponibili erano 1745 ed i posti che sono stati occupati sono solo 187…

Il problema non si ferma agli insegnanti. Infatti la situazione non migliora né per quanto riguarda i presidi né tantomeno per il personale Ata. All’appello mancano infatti 216 presidi e 76 direttori amministrativi.

Io mi auguro che il diritto all’istruzione possa essere veramente garantito a tutti i ragazzi italiani, e che si riesca a trovare presto una soluzione.

#FacceCaso.

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0