Tempo di lettura: 2 Minuti

Roma Web Fest 2017 chiude in bellezza: il format è stato un successone

Roma Web Fest 2017 chiude in bellezza: il format è stato un successone

Il mix perfetto di interessantissimi panel e workshop programmati nelle tre giornate dell’evento, ha messo in luce il successo di questa quinta edizio

Rivoluzione liceale in Francia
La Scuola 3.0 vola e atterra gli scettici
Stipendio e università: quali sono gli atenei migliori?

Il mix perfetto di interessantissimi panel e workshop programmati nelle tre giornate dell’evento, ha messo in luce il successo di questa quinta edizione. #FacceCaso.

Il Roma Web Fest 2017 è stato un successone. Il 26 Novembre nella sala Auditorium del MAXXI – Museo nazionale delle arti del XXI secolo, si è svolta la premiazione ufficiale della sua quinta edizione.

Ad introdurre l’evento ci ha pensato Janet De Nardis, direttrice artistica e ideatrice del Festival.

La serata è stata presentata dall’attore comico Saverio Raimondo, capace di divertire il pubblico attraverso i suoi esilaranti interventi.

 

 

Inutile dire che il format giovane e dinamico non ha deluso le aspettative del pubblico che è accorso in gran numero. Il mix perfetto di interessantissimi panel e workshop programmati nelle tre giornate dell’evento, ha messo in luce il successo di questa quinta edizione.

Gli attori che si sono recati al MAXXI per gli incontri della giornata e per il Galà dedicato alle premiazioni sono stati moltissimi.

Tra loro: Sonia Bruganelli, Niccolò Presta, Vincenzo Alfieri, Luca Vecchi, Anthony Di Francesco, Cristina Spagnuolo, Daniele Doesn’t Matter, Chiara Paradisi, Lele Sarallo, Geppo, Marina Di Guardo, Roberta Beta, Ivan Silvestrini, Annalisa Aglioti, Giorgia e Greta Berti, Pino Quartullo, Donatella Pompadour, Savino Zaba, Carolina Rey, Simone Tempia, Silvia Squizzato, Linda Battista, Fioretta Mari, Marco Bonini, Stefano De Sando, Romano Reggiani, Francesca Rettondini, Giulia Luzzi e chi più ne ha più ne metta.

 

 

La giuria che ha avuto il duro compito di stabilire i vincitori della quinta edizione del Roma Web Fest era composta da Mattia Mariotti (Programming Manager Sky), Cristina Priarone (Direttore generale di Roma Lazio film Commission), Eleonora Cimpanelli (Sceneggiatore e autrice), Elio Catania  (Presidente di confindustria digitale), Gianluca Guzzo (Amministratore e fondatore di My Movies) e Omar Schillaci (Wired Italia) sono stati assegnati i seguenti premi:

 

·         Miglior web serie italiana: Il mistero sottile finalista di diritto al Melbourne Web Fest
·         Miglior web serie straniera: Natural Selection
·         Miglior regia: Il mistero sottile finalista di diritto al Wendie Hamburg Web Fest
·         Miglior regia straniera: En voiture Simone
·         Miglior soggetto sceneggiatura: il mistero sottile
·         Miglior montaggio Hooked
·         Miglior fotografia: Gabriel
·         Miglior colonna sonora Shotgun Boogie
·         Migliori effetti speciali: anime e sangue
·         Miglior attore Giorgio Pasotti (mistero sottile)
·         Migliore attrice Beatrice Skiros  (Caronte)
·         Migliori costumi Orazio’s Clan
·         Miglior Drama Caronte
·         Miglior thriller Horror mistery: Il Mistero Sottile
·         Miglior comedy/schetch Lobbage
·         Miglior Comedy story: Super italian family
·         Miglior documentario: Shotgun Boogie
·         Miglior Cartoon /animazione Supa supa
·         Miglior scienze fiction fantasy: Orazio’s Clan
·         Miglior web serie a tema sociale: Jezabel
·         Miglior mokumentary: Grazie al Klaus
·         Miglior cortometraggio: Cani di Razza
·         Miglior puntata zero: Hooked
·         Miglior viral video: Inferior
·         Premio pubblico in sala: Goodstein
·         Premio pubblico della rete (webserie): Big Shot
·         Premio pubblico della rete (cortometraggi): Gabbia d’amore
·         Premio Pubblico Puntata Zero: Supermarket
·         Premio Pubblico Viral Video: Little Barber Shop of Horrors

 

 

-Premi Speciali-

·         Premio RWf: Caronte finalista di diritto al Los Angeles Web Fest, al Die Seriale e al Seoul Web Fest

·         Premio Sky per i pitch: Twinky doo’s magic world

·         Premio Movieland: Pick and Roll

·         Premio Movieland della rete: Io e il marziano

·         Premio Web Marketing Festival: Chiara Agresta

·         Premio Vvvvid: Adolf in the Sky with diamonds

 Le altre webserie che andranno di diritto alle finali dei webfest partner:

Seoul Web Fest: Safrom, Bruciare i violini – Inferno Italia – Anime e Sangue

Rio Web Fest: Super Italian Family

Berlin Web Fest: Shootgun, Woogie

 

 

-Fashion Film finalisti-

Gli 11 Fashion Film finalisti, provenienti da ogni parte del mondo, sono stati valutati da una giuria d’eccezione, composta da rinomate personalità che operano con successo nel mondo dello spettacolo e nel fashion system. Tra loro: Stella Jean, Sabrina Persechino, Claudio Gregori (Greg), Laura Bozzi, Luigi Parisi, Marina Di Guardo, Nicoletta Fattibene, Sergio Valente e Benedetta  Mazza.

Quest’ultima ha decretato la vittoria di Waiting Room di Giacomo Boeri e Matteo Grimaldi (Miglior Fashion Film:), mentre il Premio del Fashion Film più votato dalla rete è stato consegnato da Giuseppe Maggio a Woman di Annalisa Macchione.

-Fashion Film Contest-

Una seconda giuria dedicata ai Fashion Film Contest, realizzato in collaborazione con l’Accademia del lusso (Laura Gramigna e Paola Rotella) e Romeur Academy (Paolo Secondino), composta da Giada Desideri, Martina Valerio, Barbara Molinario, Loris Danesi, Issima91, Garmy Sall, Paola Agosini, Maria Vittoria Cusumano e Antonio Falanga,  ha assegnato il premio a Verdict di Anna Chiara Bernardini.

Tra gli eventi speciali sono stati apprezzati la proiezione del film Monolith di Ivan Silvestrini e il workshop promosso dalla Siae “Come scrivere una web serie” e il tour radio attraverso la musica di RID 96.8, Radio 108, Crazy Radio, Radio Godot, Radio Kaos, Studio Radio e Deliradio.

Un vero successone che noi di #FacceCaso non potevamo proprio perderci.

Di Francesca Romana Veriani

 

 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0