Tempo di lettura: 3 Minuti

Dalla tavoletta di pietra ai tablet, ecco l’IPad per gli studenti

Dalla tavoletta di pietra ai tablet, ecco l’IPad per gli studenti

La Apple ha presentato un IPad low cost pensato per gli studenti d'oltreoceano. Funzionerà? E soprattutto, sbarcherà anche in Italia? Dopo la LIM (la

Bee Beer è l’idea che rilancia i giovani nel lavoro
Dopo 11.250 appelli saltati i docenti universitari sono pronti a scioperare di nuovo
L’università di Brescia vola a Ningbo per il primo Global experts summit cinese

La Apple ha presentato un IPad low cost pensato per gli studenti d’oltreoceano. Funzionerà? E soprattutto, sbarcherà anche in Italia?

Dopo la LIM (la cosiddetta “lavagna elettronica”) e gli smartphone, a scuola arrivano anche gli IPad. I tablet della Apple, infatti, potrebbero presto sbarcare nelle aule, aggiungendo un altro tassello a quel puzzle di tecnologie pensato per rivitalizzare e rendere più interessante la didattica.

Ma perché tra i tanti tablet in commercio abbiamo citato proprio quelli prodotti dall’azienda fondata da Steve Jobs? Semplice, perché la compagnia statunitense ha deciso di mettere in vendita un Ipad low cost pensato apposta per gli studenti d’oltreoceano.

Il prodotto è stato presentato alla Lane Tech Prep High School di Chicago nell’ambito del progetto “education” della Apple e costerà intorno 360 euro (340 con lo sconto per le scuole). Il tablet fungerà da quaderno e da libro per gli alunni delle scuole che sceglieranno di adottarlo e avrà in dotazione anche un pennino (il “pencil”) per disegnare, scrivere e compilare quiz.

Non sarà la prima volta che una tecnologia di questo tipo sbarcherà negli istituti scolastici. Qui in Italia, ad esempio, diversi professori utilizzano i tablet come registri elettronici e spesso sono le scuole stesse a metterli a loro disposizione.

Finora, però, quasi nessuno aveva pensato di farli usare anche agli studenti. Quasi, perché in realtà nel nostro Paese una scuola che permette ai suoi ragazzi di utilizzare gli IPad esiste, si trova a Bari ed è l’Istituto Comprensivo “Massari-Galilei”.

Qui di recente è partita una sperimentazione che consentirà agli studenti di utilizzare il tablet durante le ore di lezione. Attenzione però, alla “Massari-Galilei” questa tecnologia non sostituirà gli strumenti tradizionali ma si limiterà a completare l’insegnamento.

Gli Ipad low cost della Apple, invece, segneranno una svolta ulteriore perché elimineranno il peso di libri e quaderni dagli zaini dei ragazzi. Per ogni cosa che se ne va, però, ce n’è sempre una che arriva e in questo caso ad arrivare saranno le polemiche perché in fondo non si è mai del tutto pronti per il futuro.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0