Tempo di lettura: 1 Minuti

Ministro Bussetti: sì ai compiti delle vacanze

Ministro Bussetti: sì ai compiti delle vacanze

Con il giuramento di ieri è iniziato il percorso del nuovo Ministro dell'Istruzione, Bussetti, vediamo cosa dice sui compiti delle vacanze. Marco Bus

Liceo classico alla riscossa: vecchio a chi?
Nuove indagini sulla disoccupazione giovanile
Gli smart speaker sorpassano gli smartwatch

Con il giuramento di ieri è iniziato il percorso del nuovo Ministro dell’Istruzione, Bussetti, vediamo cosa dice sui compiti delle vacanze.

Marco Bussetti è il nuovo Ministro dell’Istruzione, dopo il giuramento di ieri e la festa della Repubblica di oggi si inizierà a lavorare sulla riforma della scuola, data la volontà di Lega e M5S di abolire la legge 107/2015 o La Buona Scuola.

Ex dirigente scolastico e anche dirigente dell’Ufficio X della Lombardia è stato inserito nella squadra di governo di Giuseppe Conte dalla parte della Lega, nonostante si sia sempre concentrato nel suo lavoro scolastico.

Il nuovo Ministro si è espresso su tanti temi che non sono esattamente chiave per la riforma della scuola ma che comunque sono importanti per questo periodo di fine scuola inizio delle vacanze. Ad esempio il tanto controverso esempio dei compiti delle vacanze, per cui ogni giugno escono i dibattiti su questo argomento.

Anche in questo caso il Ministro ha rilasciato una dichiarazione a La Stampa (qui riportata da Tecnica della Scuola di Andrea Carlino del 2 giugno 2018) dicendo che: “Serve leggere nuovi libri e fare attività che servano a pensare”. Da qui anche la battaglia contro il telefonino, dato che i compiti delle vacanze potrebbero servire anche per aumentare la distanza tra ragazzi e smartphone, punto importante nelle discussioni scolastiche.

Bussetti ha parlato anche del dress code, dato che in questi ultimi tempi e con l’arrivo dell’estate molti presidi si sono espressi su questo argomento. La scuola, secondo il ministro, deve tornare ad essere un posto di rispetto, ma anche che un abbigliamento sbagliato, soprattutto sulle ragazze, potrebbe portare ad una situazione fraintesa.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0