Obrigado Portugal! La Lisbona a cui non avevi Fatto Caso #3

Obrigado Portugal! La Lisbona a cui non avevi Fatto Caso #3

Con il mio ragazzo mi trovo alla punta più a ovest d’Europa. Tra Lisbona e Peniche, vado alla scoperta di un Portogallo diverso dal solito. Ecco il se

Arghosha dona speranza all’Afghanistan
Guai in vista per l’università della Sardegna
Bagno di Romagna accenta il confronto sulla futura sede della scuola media

Con il mio ragazzo mi trovo alla punta più a ovest d’Europa. Tra Lisbona e Peniche, vado alla scoperta di un Portogallo diverso dal solito. Ecco il secondo episodio, FacceCaso!

Day 7

Ultimo giorno a Baleal. Domani pomeriggio si parte alla volta di Lisbona per visitare la città. Dire addio ai compagni d’avventura e ai tutor che ci hanno seguito durante il percorso non è facile. Stasera però si festeggia tutti insieme con una grigliata in riva al mare e la proiezione delle foto e dei video girati durante la settimana. Open bar di sangria per tutta la notte. Siamo tornati vivi a casa, non so ancora come. 

Day 8

Stamattina non siamo riusciti a resistere e abbiamo preso le tavole per l’ultima volta. I ragazzi del camp sono stati super disponibili e ci hanno accompagnato alla stazione di Peniche dove abbiamo preso il pullman per Lisbona. Giunti a destinazione abbiamo ricevuto una bella sorpresa: un caldo africano con 43 gradi all’ombra. Una cosa così non l’avevo mai vista. Alloggiamo a Barrio Alto, nel cuore pulsante della movida portoghese. Dopo cena proviamo tutti i locali dove le birre medie costano 1 euro. Ormai ho più Sagres che sangue nelle vene. La serata finisce verso le 2.30 con 20 Chicken McNuggets.

Day 9

Nonostante ieri sera, ci siamo svegliati presto per girare. La prima tappa del tour prevede il monastero dos Jerónimos Ci arriviamo a piedi. Lisbona è praticamente tutta in salita. Ci sono più San Pietrini qui che a Roma e si capisce che vanno matti per le sardine. Ci sono pesci giganti ovunque: sulle calamite, come peluche, sui portachiavi. Sempre a piedi raggiungiamo Baixa e ci guardiamo un po’ intorno. Questa città ha dei colori bellissimi e nonostante il caldo la gente è super accogliente. Dopo pranzo facciamo una mini tappa in hotel per riposare, fa troppo caldo. Quando le temperature scendono leggermente usiamo Uber per raggiungere il Cristo Re e guardare la città dall’alto. La sera scegliamo un posto carino per mangiare e ci ritroviamo al tavolo con altre due coppie di italiani: due abruzzesi trapiantati a Milano per lavoro e due ragazzi di Treviso reduci da Cadice. Torniamo a Barrio Alto per fare festa e la birra a un euro ha di nuovo la meglio. Raggiungiamo casa distrutti ma felici di aver incontrato nuovi amici. 

 

 

Day 10

Ultimo giorno. La vacanza è praticamente finita. Lasciamo le valigie in albergo e ci dirigiamo a Praia de Carcavelos con una voglia assurda di fare surf. Ci dice male. Il mare che si affaccia su Lisbona è una tavola, così decidiamo di scendere in spiaggia a prendere il sole. Mangiamo in un posto carino vista mare e torniamo in hotel con Uber. Alla fine ho ceduto alle sardine e ho comprato qualche calamita per le nonne e per i miei. Abbiamo l’aereo alle 19.30. Roma è più vicina che mai. Ci vorrà un po’ per riprendermi da questo viaggio, e pensare che quando tornerò a casa mi toccherà pure studiare. Domani mattina prenderò la macchina e raggiungerò i miei a Sabaudia, dove resterò fino a fine mese. Spero che il mare sia mosso, tanto mosso, così potrò continuare a fare surf. 

 

#FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0