Tempo di lettura: 3 Minuti

Diritti LGBT: scopri qual è il primo Paese a introdurre nelle scuole questo insegnamento

Diritti LGBT: scopri qual è il primo Paese a introdurre nelle scuole questo insegnamento

È importante proteggere le minoranze: oggi parliamo di quella LGBT. Per la prima volta un Paese introduce nelle scuole l'insegnamento dei diritti LGBT

Lotta all’Aids e prevenzione nelle scuole: test sanitari per i maggiori di 13 anni
Una sana relazione con il partner deriva anche dai rapporti in famiglia
La scuola vista dagli adolescenti: ecco come i giovani si auto-valutano

È importante proteggere le minoranze: oggi parliamo di quella LGBT. Per la prima volta un Paese introduce nelle scuole l’insegnamento dei diritti LGBT. Indovinate quale!

Una svolta epocale per la Scozia, ebbene sì, il Paese all’avanguardia di cui vi sto parlando è proprio la Scozia. Con l’introduzione nelle scuole di un insegnamento mirato alla conoscenza dei diritti LGBT, la Scozia si classifica come uno dei paesi europei decisamente più avanzati da questo punto di vista.

Un momento storico

Gli attivisti del mondo LGBT lo hanno definito un “momento storico” ed effettivamente lo è. Mai nessun Paese prima d’ora aveva introdotto nelle scuole una materia simile, quasi come se le tematiche legate al mondo omosessuale (e non solo) fossero dei taboo. Effettivamente in molti paesi lo sono, basti pensare a quelli in cui l’omosessualità è ancora un reato!!

É stato rilevato come in Scozia su 10 adolescenti gay 9 siano vittime di discriminazioni e violenze, un dato inaccettabile. Proprio da qui il Governo scozzese ha deciso di attuare delle politiche in grado di cambiare e migliorare la situazione. Dopo un attento studio portato avanti da Governo insieme ai rappresentati del Time for Inclusive Integration, si è giunti alla conclusione che l’educazione sicuramente costituisce un’ottima base di partenza.

Puntare sull’educazione

Il problema delle discriminazioni nei confronti delle minoranze spesso e volentieri ha profonde radici di tipo culturale. Il Ministro dell’Istruzione scozzese John Swinney ha affermato che per provare a porre rimedio ad una tradizione e a una forma mentis omofoba, una prima soluzione potrebbe essere proprio quella di iniziare ad affrontare queste tematiche proprio nelle scuole. Con piacere il Ministro Swinney ha annunciato che sarà introdotto un programma specifico di educazione all’inclusione.

Educazione all’inclusione. In cosa consiste?

Il programma elaborato dal Governo scozzese prevede delle lezioni obbligatorie (e questo è importante, perchè in questo modo le famiglie non potranno impedire ai propri figli e figlie di prendere parte a queste lezioni) di:

  • Storia dei diritti LGBT;
  • Ore dedicate all’educazione all’inclusione;
  • Campagne contro l’omofobia e la transfobia.

Che ne pensate? Vi piacerebbe che anche in Italia si attuasse un programma del genere? Ma soprattutto pensate che attuarlo sia possibile?

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0