Tempo di lettura: 1 Minuti

L’angolo della fuga: Ho avuto solo una scelta, quindi non l’ho avuta

L’angolo della fuga: Ho avuto solo una scelta, quindi non l’ho avuta

Lo spazio dedicato alla poesia, alla scrittura, alle sceneggiature. Uno spazio intimo, raccolto ma aperto a tutti. Uno spazio dedicato alla fuga, inti

Notte prima degli esami
Uber non scherza con le auto volanti
Disabilità invisibile: il progetto SPIN

Lo spazio dedicato alla poesia, alla scrittura, alle sceneggiature. Uno spazio intimo, raccolto ma aperto a tutti. Uno spazio dedicato alla fuga, intima e condivisa. Uno spazio, una scelta.

Disegno di Filippo Leoncini

Disegno di Filippo Leoncini

Infiammata dalla stessa fiamma che mi fece cenere
Ardeva in me un sentimento ignoto
Nascosto dal mio animo violento
Costretta a sopperire di decisioni altrui
Coperta di ricchezze di ogni genere
Senza ricavare però il dono più grande
Per la prima volta conobbi la mia psiche
Confusa
Non ordinaria
Funesta
Animo ribelle di una ragazza giovane
Controllati
Sii posata
Non sorridere più del dovuto
Infiammata dalla stessa fiamma che mi ha reso donna
Curiosa di saperne di più
Pensiero sublime la mia mente creava
Docili parole la mia bocca emetteva
Il mio riflesso mutava di giorno in giorno
Durante la dolce attesa
Molti tramonti e altrettante albe sono passate
Senza poter far nulla
Inerme davanti allo specchio
Pizzo bianco
Non necessariamente gradito da me
Ora mi dicono
Sorridi più del voluto
Saluta più del dovuto
Di sì cara anche se non hai mai voluto

#FacceCaso

Testo di Marta Angelozzi, Disegno di Filippo Leoncini

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0