Tempo di lettura: 3 Minuti

La Rete Scuole Migranti: un progetto di successo per l’integrazione!

La Rete Scuole Migranti: un progetto di successo per l’integrazione!

Vi racconto della Rete Scuole Migranti, le scuole che favoriscono l'integrazione attraverso l'insegnamento della lingua italiana. La Rete Scuole Migr

La strana confraternita della Bocconi
Nuovi fondi per tante iniziative culturali
L’Associata vol.2: torna l’evento dei giovany

Vi racconto della Rete Scuole Migranti, le scuole che favoriscono l’integrazione attraverso l’insegnamento della lingua italiana.

La Rete Scuole Migranti è un progetto che quest’anno ha compiuto 10 anni e nel corso del tempo ha riscontrato molto successo oltre ad aver offerto grandi opportunità. Vi parlo di un progetto di volontariato che, per rendere solo l’idea, nell’anno scolastico 2018-2019 ha contato ben 10mila migranti iscritti.

Il volontariato che fa la differenza

Di progetti di volontariato ce ne sono tantissimi, alcuni su piccola scala mentre altri sono proprio in grande: la Rete Scuole Migranti è uno di quelli grandi. Un progetto che si è allargato sul territorio della Regione Lazio fornendo un grosso contributo a migliaia stranieri e straniere che hanno voluto imparare l’Italiano. La promozione dell’integrazione è il primo scopo di questo progetto, e da dove partire se non proprio dalla nostra bellissima lingua e dalla nostra cultura?!

10 anni della Rete Scuole Migranti

Questo progetto nasce nel 2009 e all’epoca comprendeva solamente undici unità. Oggi, esattamente 10 anni dopo gli organismi che ne prendono parte sono più di cento; vi partecipano anche importanti associazioni di volontariato a livello nazione e numerose scuole e centri culturali. Nel 2009 l’idea nasceva solo per offrire corsi di italiano aperti e gratuiti per chiunque volesse impegnarsi nell’imparare la nostra lingua. Con il passare del tempo il corpo del progetto si è allargato offrendo anche altri tipi di attività e laboratori.

I corsi offerti hanno il fine di promuovere l’integrazione ma soprattutto l’inclusione dei migranti. Sicuramente il primo passo per poter entrare in contatto con un paese e per potervi partecipare attivamente è quello di conoscere la lingua. Viene da sé che attraverso lo studio della lingua, si approfondisca anche la cultura e le usanze di un certo paese promuovendo in questo l’integrazione di chi proviene da lontano.

Una realtà radicata nel territorio

Il progetto Rete Scuole Migranti è ben radicato nel territorio della Regione Lazio, dove praticamente ovunque (un po’ meno a Roma) il servizio è disponibile e accessibile a chi ne voglia usufruire.

Un vero esempio di inclusione da cui prendere spunto e riproporre anche in altre regioni!

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0