Tempo di lettura: 3 Minuti

Caravelle esordisce raccontando la sua San Lorenzo in musica

Caravelle esordisce raccontando la sua San Lorenzo in musica

Esordire con un singolo non è mai banale: ecco perchè Caravelle ha deciso di raccontare un suo spaccato molto personale nella sua "San Lorenzo". San

A scuola con… Matteo Berrettini!
Aggressioni dei prof: succede nel 10% dei casi
Musica: dischi e singoli in uscita a Febbraio

Esordire con un singolo non è mai banale: ecco perchè Caravelle ha deciso di raccontare un suo spaccato molto personale nella sua “San Lorenzo”.

San Lorenzo è il primo singolo ufficiale di CARAVELLE, fuori oggi, martedì 19 gennaio, distribuito da Artist First. Nel brano vi sono due linee parallele: malinconia e paura, legati da un unico filo conduttore che è l’amore. La malinconia è verso un amore vissuto e finito, la paura invece risiede nel poterne vivere uno nuovo. I pensieri contrastanti si riflettono su tutto il testo accompagnato sapientemente da una produzione fresca firmata Zafa.

Il brano nasce il 10 agosto in due momenti distinti. Il titolo rievoca e circoscrive la stesura testuale, la composizione invece fa da cornice rivelando la tranquillità e la spensieratezza di una giornata passata a Fregene: al tempo stesso rivela il tumulto che l’amore procura in noi. Il mood del brano esula qualsiasi tipo di classica ballata estiva, nonostante il brano sia stato effettivamente concepito d’estate, ma anzi richiama a gran voce un “dolce cullar” malinconico attraverso il mare.

SEGUI CARAVELLE SU INSTAGRAM

TESTO DEL BRANO:

Guarda i miei occhi ancora un po
Lo sai che fermi il mio battito
Poi se ti giri son ko.
Guarda la luna ci fa uno show
Stelle comete seguono il flow
Dimmi che mi ami ancora o non so, cosa farò.
Sei stata come un miracolo
Di un giorno triste l’antidoto
Il senso del mio aneddoto
Mi hai risvegliato da un incubo.
Steso sul letto di camel blu
Con la chitarra ma arrivi tu
Che con un sorriso cambi il mio mood

Rit:
E lo sai anche tu che siamo molto di più
Sotto un manto di stelle che ci sorprende da lassù,
Io e te, in giro senza un perché,
alla ricerca di un amore che si nutre da se

Guardo i tuoi occhi ancora un po’
Mi fanno da guida in un oceano
Due bussole d’oro in mano a Crusoe
Senza di te come farò.
Un’esplosione dell’universo
Quando nell’acqua c’è il tuo riflesso,
Alba e tramonto al tempo stesso
Un fremito sale te lo confesso.
Sempre insicura e un po confusa
Delle tue amiche sei la piu chiusa
Come afrodite sei la mia musa

#FacceCaso

Di Giorgia Groccia & _Riccardo Zianna_

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0