Tempo di lettura: 1 Minuti

Forest Sharing: il tuo bosco condiviso

Forest Sharing: il tuo bosco condiviso

Tu, impiegato alle poste, famiglia e figli a carico, hai un bosco? E non sai cosa farci? Tranquillo ci pensano loro di Forest Sharing ad aiutarti. Ma

Per i venti anni Tamagotchi arriva su smartphone
Il cucciolo perfetto per ogni segno zodiacale
A Catania un brevetto contro le microplastiche invisibili

Tu, impiegato alle poste, famiglia e figli a carico, hai un bosco? E non sai cosa farci? Tranquillo ci pensano loro di Forest Sharing ad aiutarti.

Ma se tu avessi un bosco, una foresta, sapresti cosa farne? Un po’ ti ci immaginiamo, immerso dentro, mentre spazzi le foglie tra un albero e l’altro. I caprioli ti zampettano accanto, le fresche acque della tua cascata personale zampillano rumorose in lontananza…
Che idillio, che pace!! Sei il re del bosco. Era il tuo sogno di bambino. Tutto molto facile, tutto molto bello… seee magari!! Ma sai cosa significa mantenere un bosco? No? Questo perché non ce l’hai? Come potresti, dopotutto. Tu? un bosco tuo? Ma quando mai.

Eppure, se ti venisse un giorno lo schiribizzo di comprartene uno, questi ragazzi fanno al caso tuo. Ti aiutano a mantenerlo. Così non rovini un intero ecosistema in 24 ore. Magari ce ne metti 48, ma le prime almeno te lo godi e salvi fauna, flora e cavoli.

Forest Sharing

Forest Sharing” è un progetto studiato da ragazzi dell’Università di Ferrara. “Uno strumento”, si legge sul sito,
Per accorpare le proprietà forestali medie e piccole non gestite, in modo sostenibile secondo i principi dell’economia di scala, con i più innovativi strumenti della ricerca scientifica e della selvicoltura di precisione”.

Un metodo che si ispira ai veri principi della Sharing Economy: si crea valore con le persone, non sulle persone”.

E come funziona, vi domanderete? Facile e intuitivo. Basta andare sul sito e cliccare “come funziona” (incredibile eh? Siamo troppo giusti noi).

Il proprietario forestale inserisce i dati del proprio bosco e sceglie le modalità di gestione (taglio legname, valorizzazione ricreativo turistica, mantenimento ecc…)”.

I tecnici di Forest Sharing analizzano le proprietà forestali, e scelgono insieme ai proprietari le soluzioni migliori”.

Insomma, il tuo bosco inizia ad avere un valore. Se non degli utili, addirittura. E tu ti godi, finalmente, il piccolo sogno che avevi da bambino: regalarlo perché è tutto troppo faticoso e andare a lavorare in fabbrica. Ahhh, che bella la vita.

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0