Tempo di lettura: 3 Minuti

L’Università di Messina compie enormi passi avanti nel campo della meccanica quantistica

La ricerca potrà avere interessanti applicazioni nel campo della ‘quantum information' #FacceCaso. Il dipartimento Mift dell’Università di Messina ha

Caro università: Messina la più cara in Sicilia
Bilancio positivo per l’Università di Messina
Licenza media per un 84enne di Rho: “Ora le superiori”

La ricerca potrà avere interessanti applicazioni nel campo della ‘quantum information’ #FacceCaso.

Il dipartimento Mift dell’Università di Messina ha mostrato come due o più atomi spazialmente separati possono assorbire o emettere congiuntamente un singolo fotone. Importante scoperta nel campo della meccanica quantistica da parte di un gruppo di giovani fisici siciliani in collaborazione con il professor Salvatore Savasta, il professor Franco Nori e il direttore del Quantum Condensed Matter Research Group presso il Center for Emergent Matter Science di Riken, centro di ricerca giapponese.

La ricerca ha inaspettatamente dimostrato che essendo l’energia del fotone pari alla somma delle energie di transizione dei due atomi, questo processo può avvenire. Questo nuovo fenomeno potrà avere interessanti applicazioni nel campo della ‘quantum information’ e potrà essere presto osservato sperimentalmente utilizzando atomi artificiali superconduttori. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0