Tempo di lettura: 1 Minuti

La guerra dei mondi: Università vs fuori corso

Le nuove strategie universitarie per arginare il fenomeno dei fuori  corso, #FacceCaso. È una battaglia lunga anni, iniziata con la riforma Gelmini e

Scandalo in Svizzera: chiude Unipolisi e lascia a spasso aspiranti fisoterapisti
Hollywood laureata, ecco i “Graduate Awards” 2019
Antropozoologie – Studio verosimile di una realtà grottesta: quattro chiacchiere con Biagio Iacovelli

Le nuove strategie universitarie per arginare il fenomeno dei fuori  corso, #FacceCaso.

È una battaglia lunga anni, iniziata con la riforma Gelmini e che ancora oggi continua a far parlare di sé. Stiamo parlando della titanica lotta fra l’Università e lo studente fuori corso.

Sono infatti più di 700 mila, quasi il 40%, gli studenti non più in regola con il loro percorso universitario che ancora risultano iscritti nei vari atenei italiani.

Certamente un “nemico” numeroso per l’Università, sempre più impegnata a combattere questo fenomeno dilagante impiegando ogni mezzo a sua disposizione. Passiamo da approcci duri come gli aumenti delle tasse (fino ad arrivare ad un innalzamento quasi del 50%), a tecniche più soft e incoraggianti come dirottamento dei più ritardatari verso università telematiche (come l’Unitelma firmata Sapienza) o l’istituzione di corsi e lezioni specifiche volte ad un recupero mirato, fino ad arrivare a nuove tendenze come quella che prevede di abbassare il livello di difficoltà degli esami.

Ma perché tanta preoccupazione? Lo studente fuori corso rappresenta per l’Università italiana una perdita significativa nel bilancio dell’ateneo e il loro numero, in costante aumento: incide del 20% sul fondo ordinario destinato all’istruzione universitaria. Un vero e proprio antagonista della buona istruzione si direbbe, ma pur sempre figlio della stessa Università che ora sembra non aver più posto per lui.

Si sa come va la vita, l’uccellino prima o poi dovrebbe prendere il volo e lasciare il nido materno, ma per farlo deve poter disporre dei giusti strumenti.

Come diceva il vecchio proverbio prevenire è meglio che curare, e allora, cara Università, cosa aspetti ad aiutare i tuoi figli prima che si perdano in quel tanto temuto limbo che tutti conosciamo con il terrificante nome di: “fuori corso”.

Di Laura Messedaglia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0