Tempo di lettura: 2 Minuti

CVCert: il Curriculum Vitae ha un nuovo volto

CVCert: il Curriculum Vitae ha un nuovo volto

CVCert la nuova startup che fa incontrare chi cerca lavoro con chi lo offre. È sempre più difficile farsi notare nel mondo del lavoro. Basti pensare

Apple acquista Shazam?
Alternanza scuola-lavoro: gli studenti di Bisceglia fanno pratica da Adn Call Center

È ripetizioni – mania

CVCert la nuova startup che fa incontrare chi cerca lavoro con chi lo offre.

È sempre più difficile farsi notare nel mondo del lavoro. Basti pensare che quando un’azienda mette online un annuncio, in poche ore riceve migliaia di curriculum. Ma questo gran numero di candidati crea problemi anche all’azienda stessa. Fra tutti quei curricula non è facile trovare la figura professionale desiderata. Spesso e volentieri l’80% dei cv che arrivano in risposta ad un annuncio non ha a che vedere con la richiesta e solo il 20% risponde in parte alla richiesta, ma solo la metà di essi è veramente in linea con la ricerca.
Qui ci vengono in aiuto Andrea Galdabino, esperto di risorse umane e Fabrizio Favini, consulente ed esperto di business development, i due creatori del portale CVCert.

Questa piattaforma aiuta l’incontro fra offerta e richiedente. Si basa sulla creazione di un nuovo tipo di Curriculum Vitae che si fonda su dati facilmente verificabili dal potenziale datore di lavoro, che così è facilitato nella selezione del giusto candidato. I dati presenti nel cv generato da CVCert sono ricavati dall’accesso alla banca dati dell’Inps.

Quindi tramite la lettura dei contributi il sito risale al percorso lavorativo dell’utente. Inoltre il portale utilizza la classificazione Istat per descrivere l’esperienza professionale del candidato e completa il curricula con la verifica del percorso di studi.

La spinta che ha mosso la nascita e la creazione di CVCert è proprio la semplificazione del dialogo fra offerta e richiesta, oltre che la veridicità delle informazioni dichiarate nel cv.
“CVCert ribalta il paradigma dell’incontro tra domanda e offerta. In pratica, chiediamo al candidato di farsi trovare e all’azienda viene garantita la professionalità che cerca. Perché il cv così come lo conosciamo oggi è superato:non da garanzie e non è profilato” così Galdabino ci spiega l’idea fondante della piattaforma. L’obiettivo dei due creatori del nuovo sistema è quella di eliminare la possibilità di autoreferenza nei cv online e di riuscire a creare uno schema standard utilizzabile in tutti i curriculum così da poter effettuare ricerche efficaci basate su parametri comuni.

Un altro strumento efficace e innovativo che offre la piattaforma web è un’area dedicata alla descrizione delle proprie competenze trasversali, chiamate anche soft skill. Nel portale troviamo sia uno spazio libero dedicato alla scrittura di una presentazione oppure si può effettuare il test PDA International, che si basa su un veloce e semplice metodo scientifico volto a elaborare il profilo comportamentale dell’utente. “La profilatura dell’aspetto comportamentale è un grande aiuto per il recruiter” ci ricordano i fondatori del sito.

Inoltre, grazie a questa piattaforma si può vedere la propria posizione Inps e intervenire in tempo la dove ci siano discordanze e problemi.

Dalla fine del 2016, periodo della sua nascita, CVCert ha generato numerose cv certificati ed ha aumentato il numero di aziende con le quali collabora, i cui numeri sono in costante aumento.

Se siete curiosi andate a dare un occhiata al SITO.

Di Chiara Caporali

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0