Tempo di lettura: 3 Minuti

Scuola per giovani agricoltori: finalmente ci siamo

Scuola per giovani agricoltori: finalmente ci siamo

Il progetto offre un percorso di alta formazione teorico-pratica rivolto ai giovani aspiranti agricoltori. #FacceCaso. Nasce una scuola per giovani a

Seeds&Chips: innovazione ed agricoltura di pari passo, succede a Milano
Chiantiform: un’alternativa alla scuola per giovani tra 16 e i 18
Oscar Green 2016: la Liguria sforna giovani e abili agricoltori

Il progetto offre un percorso di alta formazione teorico-pratica rivolto ai giovani aspiranti agricoltori. #FacceCaso.

Nasce una scuola per giovani agricoltori. Una scuola intitolata a Emilio Sereni, riferimento culturale per chi vuole valorizzare le pratiche contadine e preservare la qualità del paesaggio.

Il progetto offre un percorso di alta formazione teorico-pratica rivolto ai giovani aspiranti agricoltori.

Il bando è nazionale e sono ammessi giovani e adulti fino a 40 anni compiuti.

Per essere ammessi è necessario i diploma di scuola secondaria superiore o competenze teorico-pratiche in materia ritenute idonee.

I 15 aspiranti agricoltori che verranno selezionati si formeranno a Roma presso la Cooperativa Co.r.ag.gio. Con loro, docenti, ricercatori, scienziati e agronomi di profilo nazionale. Ai partecipanti è richiesto solo un contributo di 100€ per le spese organizzative. Ai non residenti a Roma, infine, sarà garantito alloggio.

Al termine della formazione nella scuola per giovani agricoltori, a 3 dei 15 partecipanti verrà offerto un tirocinio in azienda e relativa borsa di lavoro retribuita. Inoltre, una vera e propria opportunità di lavoro.

Le lezioni avranno inizio l’8 maggio per concludersi il 15 giugno. Si tratterà del primo di 6 cicli di formazione in 4 anni.

“La Scuola diffusa della Terra – Emilio Sereni è un progetto ambizioso. Con esso, cui vogliamo dare una risposta concreta ai tanti giovani che in questi anni ci hanno chiesto un aiuto per avvicinarsi all’agricoltura” – afferma Fabio Ciconte, Direttore di Terra!

“E nello stesso tempo È l’affermazione di cosa intendiamo per agricoltura ecologica, rispettosa dell’ambiente e della biodiversità. Non a caso le aziende partner di questo progetto sono emblematiche del modello logica a cui tendiamo”. Ha così concluso Cicotone.

“Abbiamo voluto dare alla Scuola diffusa della Terra – Emilio Sereni un’impronta scientifica e altamente pratica, che tenga conto degli aspetti didattici, degli aspetti gestionali all’interno di un’azienda, E degli strumenti volti al recupero dei saperi tradizionali in agricoltura – afferma Daniel Monetti, responsabile della scuola – Il progetto valorizza sia gli aspetti zootecnici, quindi legati al mondo animale in azienda, con particolare attenzione al recupero di specie autoctone invia d’estinzione, che quegli agricoli del recupero dei semi rurali, delle tecniche di coltivazione biologica, permacultura e multifunzionalità in agricoltura”.

Le candidature vanno inviate entro i 27 aprile compilando il form sul sito della Scuola. Tu cosa stai aspettando? #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0