Tempo di lettura: 1 Minuti

Firenze: terminato il concorso per videomakers: ecco i vincitori

Firenze: terminato il concorso per videomakers: ecco i vincitori

A Firenze vengono premiati giovani videomakers che hanno realizzato dei prodotti sul tema dell’illuminazione. Si è concluso in questi giorni a Firenz

Ambasciatore si diventa!
Andrea Zilli, prof di ruolo under 30 che ha creduto nei suoi sogni
Il Consiglio di Stato fa tremare migliaia di docenti

A Firenze vengono premiati giovani videomakers che hanno realizzato dei prodotti sul tema dell’illuminazione.

Si è concluso in questi giorni a Firenze il concorso internazionale dedicato ai videomakers che prende il nome di “Riprenditi la città, riprendi la luce”.

È il quarto anno consecutivo che questa città organizza questa competizione dedicata a ragazzi. Le categorie erano tre differenti.

  1. under 18
  2. under 30
  3. lighting designer under 35

La tematica del concorso di quest’anno era la “luce e luoghi” e ci sono stati più di cento video pubblicati sul canale youtube del concorso.

La giuria ha avuto l’arduo compito di decretare i nove vincitori: la categoria degli under 18 e quella degli under 30 hanno avuto due vincitori, la terza ne ha avuto uno. In più ci sono stati quattro premi, del valore di mille euro ciascuno, che sono stati “Premio speciale della Giuria”, “Educare alla cultura”, “Luce e Teatro” e “Energy Saving”.

La cerimonia di premiazione si è tenuta al Palazzo Vecchio di Firenze alla presenza di Margherita Suss, presidente dell’associazione che ha promosso l’iniziativa, l’Aidi, Associazione Italiana di Illuminazione. Oltre a lei era presente anche l’assessore allo sport, tradizioni popolari, politiche giovanili e toponomastica del comune di Firenze Andrea Vannucci.

Vi erano anche figure appartenenti al mondo dello spettacolo come il produttore cinematografico Alessandro Calosci, il critico fotografico Roberto Mutti ed il direttore delle luci del Teatro della Scala di Milano Marco Filibeck.

Per Margherita Suss questo è stato un evento molto importante per il mondo dell’illuminazione e soprattutto per i giovani che hanno avuto in questo modo la possibilità di far notare le proprie capacità ed i propri prodotti e di incontrare anche le principali aziende attive in questo campo.

#FacceCaso

Di Sara Fiori

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0