Nasce a Roma l’organizzazione che denuncia le illegalità universitarie

Nasce a Roma l’organizzazione che denuncia le illegalità universitarie

A difesa dei soprusi e di chi subisce le illegalità universitarie nasce un’organizzazione composta da docenti e ricercatori. Le illegalità universita

I sondaggi in diretta Facebook diventano un’app: Directfy
iPhone: il prossimo costerà caro
Da Verona a miglior ricercatore in Usa

A difesa dei soprusi e di chi subisce le illegalità universitarie nasce un’organizzazione composta da docenti e ricercatori.

Le illegalità universitarie sono state al centro di scandali, soprattutto negli ultimi periodo. Ricercatori assunti solo tramite favoritismi, titolari di cattedra con in mano decisioni su decisioni.
Adesso però c’è chi ha deciso di lottare contro tutto ciò, e farlo apertamente attraverso un’associazione fondata ad hoc. Ci sono professori e ricercatori universitari, che nello studio in Roma dell’avvocato cassazionista Giuliano Grüner hanno fondato l’organizzazione no profit “Trasparenza e merito, l’università che vogliamo”, anche detta “Università pulita”.

La prima azione è stata la denuncia di di abusi nei concorsi, registrando conversazioni con rettori e presidenti di commissione.
Otto accademici da Roma Tor Vergata e Roma Tre, Catania, Pisa, l’Orientale del Piemonte, ma anche l’Alma Mater di Bologna.
Adesso però è partita questa ribellione contro i baroni, pronti a lottare per diritti spesso ignorati dal mondo accademico.

Tra i membri di “Trasparenza e merito” c’è Giulia Romano, una ricercatrice di Economia aziendale che denunciò un presidente di commissione dell’Università di Pisa con registrazioni fatte dal marito.
Qualcuno, insomma, è pronto a dire la sua contro chi vede l’Università in bianco e nero, anzi ancora di più: vederla solo dalla propria posizione.

#FacceCaso

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0