Tempo di lettura: 2 Minuti

Germania e Francia molto meglio nell’università: Italia KO. Tutto, raccontato da un video!

Germania e Francia molto meglio nell’università: Italia KO. Tutto, raccontato da un video!

Un breve video realizzato dall'Università pubblica Roma Tre racconta, in maniera diretta e semplice, il dramma dell'università pubblica nel Belpaese.

Niente ponte per i ragazzi: siamo in Germania!
Vita 4.0 : lezioni in classe
22-23-24 settembre tieniti libero: torna Artist in Rome Experience 2017

Un breve video realizzato dall’Università pubblica Roma Tre racconta, in maniera diretta e semplice, il dramma dell’università pubblica nel Belpaese. Germania e Francia molto più forti dell’Italia.

Noi italiani, da sempre, ci troviamo inevitabilmente a confrontarci con le altre potenze europee, prime tra tutti Germania e Francia e purtroppo non ne usciamo quasi mai indenni.

Il discorso, con lo stesso risultato, vale anche per quanto riguarda il raffronto tra l’università pubblica tedesca, quella francese e quella italiana, infatti, pur consci di quanto valgono nella sostanza i nostri studi accademici, tanto da essere apprezzati in tutto il mondo, Germania e Francia vincono a mani basse contro l’Italia.

A sottolineare la pietosa situazione nella quale riversa, ormai da anni, l’università italia, è un ironico video, ma quanto mai veritiero, triste e imbarazzante, girato dagli studenti, professori, personale tecnico e accademico dell’Università Roma Tre, la terza università pubblica di Roma.

 

I dati che portano a confronto Germania e Francia con l’Italia quanto ad università pubblica, prendono in considerazione la spesa pubblica, il carico di studenti per docente, l’anzianità dei professori, le retribuzioni e il tasso di occupazione: inutile dire che in nessun parametro l’Italia risulti vincitrice.

Vediamo a confronto i dati relativi a Germania e Francia versus Italia:

  • Spesa pubblica per l’università in rapporto al Pil: 1,3% in Germania; 1,2% in Francia; 0,8% in Italia;
  • Spesa sulla ricerca e sviluppo in rapporto al Pil: 2,9% in Germania; 2,2,% in Francia; 1,3% in Italia;
  • Investimenti sull’università nel 2010 e nel 2014: +9% in Germania; +5% in Francia; -3% in Italia;
  • Spesa annua per studente universitario: 17.180 $ in Germania; 16.422$ in Francia; 11.510$ in Italia;
  • Nel 2015 il personale studente universitario ammontava a: 396.000 unita in Germania (+27% rispetto al 2010); 109.000 unità in Francia (-3% rispetto al 2010); 89.000 unità in Italia (-15% rispetto a 2010);
  • Carico studenti per un docente: 12 per professore in Germania; 18.6 in Francia; 20.2 in Italia;
  • I docenti universitari con più di 50 anni sono: il 25% in Germania; il 39% in Francia; 56% in Italia;
  • Totale delle spese universitarie correnti per la retribuzione dei docenti e del personale universitario: l’81% in Francia; il 67% in Germania; il 57% in Italia;
  • Ad inizio carriera, le retribuzioni per un ricercatore ed un professore sono rispettivamente: 25.000/42.000 Euro in Germania; 22.000/37.000 Euro in Francia; 19.000/34.000 in Italia;
  • Nella fascia di età tra i 25 e i 34 anni la percentuale dei laureati è del: 44% in Francia; 30.5% in Germania; 25.6% in Italia.
  • Tra i laureati la percentuale di disoccupati nella fascia 25-39 anni è del: 2,8% in Germania; 5.9% in Francia; 11.7% in Italia.

Che dire: sapevamo che l’Italia non se la passa poi benissimo quanto ad università, ma addirittura così male, senza riuscire a superare su nessun confronto la Germania e la Francia no.
Caro governo, #FacceCaso!

#FacceCaso

Di Lorenzo Maria Lucarelli

 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0