Tempo di lettura: 1 Minuti

Entri tardi a scuola? Paghi due euro!

Entri tardi a scuola? Paghi due euro!

Due euro di multa a chi entra in ritardo a scuola. Una decisione che fa discutere. Selargius, Sardegna. I ritardatari hanno trovato una brutta sorpre

L’Anvur promuove Uninettuno
Tinder U sbarca in USA
Indeciso sulle elezioni del 4 marzo? Arriva il navigatore elettorale

Due euro di multa a chi entra in ritardo a scuola. Una decisione che fa discutere.

Selargius, Sardegna. I ritardatari hanno trovato una brutta sorpresa a scuola, chi entra tardi deve pagare una multa di due euro. Il liceo scientifico Pitagora, di Selargius, un comune nella città metropolitana di Cagliari ha deciso di punire così chi non rispetta l’orario di entrata.

Alle 8.30 suona la prima campanella e alle 8.35 chiudono i cancelli, chi farà più di cinque minuti di ritardo dovrà entrare alla seconda ora e aspettare in biblioteca, sorvegliati da qualcuno. Le spese per la multa serviranno a pagare l’assistenza. È questa l’idea per evitare che i ragazzi entrino in ritardo, gli unici esclusi sono i pendolari con il permesso di entrata in ritardo permanente.

Le famiglie dovranno pagare questa piccola tassa per sostenere i costi di assistenza della scuola. Non tutti sono d’accordo, anzi. Il preside ha rilasciato una dichiarazione (che trovate qui, nell’articolo di today.it del 28 marzo) dicendo che non è stata una decisione presa da lui ma di tutto il consiglio docenti. Oltre a questo i ragazzi impareranno la responsabilità dell’arrivare puntuali e anche di finanziare direttamente il bilancio della scuola.

Arrivare puntuali è fondamentale, soprattutto a scuola, quando le lezioni potrebbero essere interrotte dai ritardatari, portando più distrazioni di quelle che già ci sono in una classe. Due euro sembrano pochi, ma se si arriva in ritardo cinque volte in un mese verranno pagati 10€ di multa.

Un’iniziativa strana, ma bada bene. Imparare ad arrivare puntuali è qualcosa che potrebbe aiutarvi anche in futuro, a lavoro o all’università, dove molto spesso si rimane fuori dall’aula perché il prof non ammette nessun tipo di ritardo.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0