Tempo di lettura: 2 Minuti

Maturità e…maternità!

Maturità e…maternità!

Da Treviso la storia dell'anno: compagni di classe, da martedì sono diventati genitori. E tra pochi giorni il diploma scolastico... Probabilmente una

Flowkey: l’app per diventare come Mozart
Scuola: le vacanze di primavera
11 buoni consigli per affrontare il primo giorno di scuola

Da Treviso la storia dell’anno: compagni di classe, da martedì sono diventati genitori. E tra pochi giorni il diploma scolastico…

Probabilmente una storia così sarebbe potuta uscire solo dal celebre “Notte prima degli esami”, magico film dove però come in tutti i magici film c’è qualche elemento romanzato.
Come non ricordarsi Simona, una delle protagoniste della storia, arrivare in classe nel giorno della maturità in pista maternità con un accenno di pancione, frutto della relazione col simpatico sprovveduto “Massi”.
“Cose del genere solo nei film”, dici. E in effetti non hai proprio tutti i torti. Come sempre, però, c’è l’eccezione che conferma la regola. E questa eccezione si chiama Michelangelo.

Chi è Michelangelo? Semplice, una minuscola creatura di 3 kili e mezzo e 50 cm venuta alla luce martedì notte, risultato dell’amore di due….maturandi! Già, proprio nell’anno forse “più indimenticabile” (passatemi l’esagerazione) della loro vita, per Gabriele Zanusso e Noemi Savarese è arrivata la ciliegina sulla torta. E che ciliegina.

Un bambino, in un’età come questa, ti sconvolge inevitabilmente la vita. Metti da parte piani, spensieratezza, divertimento, molti non se la sentono. I due ragazzi triestini, invece, non ci hanno pensato due volte ad accettare l’idea di diventare mamme e papà con parecchi anni d’anticipo.
E fra poco si siederanno davanti ai commissari per l’esame di maturità al liceo di Treviso Duca degli Abruzzi, una delle prove più importanti ed emozionanti della loro vita. Papà Gabriele subito, per mamma Noemi è inevitabilmente arrivato lo slittamento a settembre.

I due stanno insieme da un anno e mezzo, frutto di una relazione nata tra i banchi di scuola.
Ma come l’hanno presa sul momento I due studenti, quando hanno saputo che lei era incinta? Non ce l’aspettavamo proprio -racconta Gabriele- , all’inizio eravamo disorientati. Durante un incontro formativo a scuola, i referenti del consultorio dell’Ulss 2 ci avevano detto che per qualsiasi cosa avremmo potuto rivolgerci a loro, e così abbiamo fatto. Siamo stati accolti benissimo, ci è stata presentata anche l’opportunità di affrontare la gravidanza in modo diverso, ma noi questo bambino l’abbiamo voluto sin da subito.”

Martedì sera, all’ospedale di Montebelluna, viene alla luce la loro gioia, il piccolo Michelangelo, e poi…tutti a casa! Perché Gabriele e Noemi vivono già insieme. Lei è la decima figlia di una famiglia numerosissima, non deve essere stato poi un grosso problema per il figlio ereditare i vestitini degli zii. Lui la mattina va a scuola, e il pomeriggio lavora alla “Casa della Chiave” a Treviso.  “Per ora sono solo venti ore a settimana, ma se dopo l’estate le cose andranno bene potrei avere un full time”. Continua Gabriele.

Anche la preside della scuola, Antonina Piva, sprizza felicità da tutti i pori, affermando che “la loro felicità è contagiosa per noi.”

Una bella, bellissima storia. Il tutto, alla faccia della bassa natalità del nostro paese.
Gabriele e Noemi, auguri anche da FacceCaso!

Di Emanuele Caviglia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0