Tempo di lettura: 3 Minuti

Sesso e giovani universitari. Vediamo quanto sono preparati in materia!

Sesso e giovani universitari. Vediamo quanto sono preparati in materia!

Scopriamo insieme la tematica sesso e giovani universitari: c'è abbastanza informazione tra i giovani? Fumo e alcolici costituiscono un serio problema

Stanchezza Cronica: la malattia dei giovani
Una sana relazione con il partner deriva anche dai rapporti in famiglia
I ragazzi palestinesi lasciano la scuola

Scopriamo insieme la tematica sesso e giovani universitari: c’è abbastanza informazione tra i giovani? Fumo e alcolici costituiscono un serio problema!

Pochi giorni fa in un articolo ho affrontato il tema “sesso e giovani delle scuole superiori”, oggi saliamo di un gradino e andiamo a vedere il tema: sesso e giovani universitari. Che cosa cambia? Secondo voi saranno più informati i gli universitari rispetto agli adolescenti? Vediamolo insieme!

Sesso e giovani universitari

Anche questa volte, le informazioni derivano dal Rapporto pubblicato dal Ministero della Salute in occasione della Giornata nazionale di informazione e formazione sulla salute riproduttiva che è stata celebrata il 23 settembre 2018.

La ricerca è stata svolta su un campione di 13.973 studenti e studentesse universitari provenienti da 18 atenei coinvolti, la risposta era su base volontaria e per il 70% hanno risposto solo ragazze. Questo è un dato da tenere a mente, in quanto generalmente le ragazze sono più informate dei ragazzi su queste tematiche che coinvolgono direttamente il corpo della persona.

Il primo dato importante che è merge è il tasso di consumo di sigarette e alcolici, infatti 1 intervistato su 4 ne fa uso. Ma l’80% di loro è consapevole dei danni che queste sostanze possono apportare anche dal punto di vista riproduttivo.

Per quanto riguarda la percezione di sentirsi “esperti” nella materia, si ripete quanto verificatosi anche con gli adolescenti. La maggioranza degli intervistati/e si dichiara sufficientemente informato/a, ma poi le risposte ai vari quesiti della ricerca rivelano esattamente il contrario. Questo punto a mio avviso è molto rischioso.

La prima volta…

Dal punto di vista della “prima volta” i dati cambiano rispetto alle risposte degli adolescenti. Tra gli universitari l’80% dichiara di aver già avuto un rapporto completo (tra gli adolescenti era il 35%). L’età media, sia per ragazzi che per ragazze, della prima volta è tra i 17 e i 18 anni.

Vediamo ora in quanti usano i metodi contraccettivi e quali. Tra gli universitari/e l’uso dei metodi contraccettivi è più elevato rispetto agli adolescenti, qui il 95% degli intervistati dichiara di usarli. Il 71% utilizza il preservativo, e il 46% utilizza la pillola o altri metodi ormonali. Il 24% si affida invece al coito interrotto. Ma, nonostante l’alta percentuale di giovani che utilizzano i contraccettivi, il 24% di loro dichiara anche di aver avuto comunque rapporti occasionali non protetti.

Quando diventare genitori?

I giovani universitari cominciano anche a pensare al futuro, a differenza degli adolescenti. Secondo la ricerca la maggior parte degli intervistati ritiene che l’età giusta per “mettere su famiglia” sia compresa tra i 26 e i 30 anni.

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0