Tempo di lettura: 3 Minuti

Vietato caricare il telefono in macchina

Vietato caricare il telefono in macchina

Dimenticare il telefono in carica quando la macchina è spenta, provoca il blocco della batteria. La tua auto potrebbe non ripartire! #FacceCaso. Caro

Sciopero dei docenti universitari: “Queste risorse vanno trovate”
Varese : lavoro e università gratuita per chi ha la media del 27
Ecco le date scolastiche del prossimo anno

Dimenticare il telefono in carica quando la macchina è spenta, provoca il blocco della batteria. La tua auto potrebbe non ripartire! #FacceCaso.

Caro amico di #FacceCaso, se fino ad oggi hai caricato il tuo smartphone in macchina, smetti immediatamente. I telefonini di ultima generazione hanno un enorme difetto: la scarsa durata della batteria, ma per una serie di motivi è severamente vietato usare la porta USB della tua vettura per farli tornare in vita. 

pastedGraphic.pngA pagarne le conseguenze saranno sia il tuo smartphone che la tua auto. Il tuo telefono farà uno sforzo notevole per caricarsi considerando che la potenza fornita dal cavo è di molto inferiore a quella fornita da un caricabatteria originale.

L’energia che fornisce al telefono in ricarica la presa USB dell’auto, costringe il sistema ad immagazzinare poca energia e richiedendo moltissime ore per ultimare la carica.

Il bello è che l’energia della presa USB dell’auto potrebbe riportare una falsa carica completa, basti pensare che per completare il caricamento del tuo cellulare ci vorrebbero ore ed ore. 

Come se non bastasse, se hai a disposizione un sistema Quick Charge per la ricarica rapida del telefono, toglierai potenza utile all’elettronica dell’auto.

Parliamo del danno più grave: l’impatto sulla batteria. Dimenticare il telefono in carica quando la macchina è spenta, provoca il blocco della batteria. La tua auto potrebbe non ripartire!

Se posso darti un consiglio, cerca di cambiare abitudine e se proprio devi, usa la powerbank al posto del caricatore in auto. Mi raccomando, da adesso in poi..

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0