Tempo di lettura: 2 Minuti

Rivoluzione pausa caffè: le macchinette si pagano con un’app

Rivoluzione pausa caffè: le macchinette si pagano con un’app

Tu pensa che bello che si potesse prendere qualcosa da mangiare alle macchinette senza il bisogno di scomodare il portafoglio? #FacceCaso. Università

150 dipendenti per il primo Starbucks italiano!
Manda le tue foto di nudo a Facebook, le userà per proteggerti
TUTTOFOOD 2017: Milano World Food Exhibition

Tu pensa che bello che si potesse prendere qualcosa da mangiare alle macchinette senza il bisogno di scomodare il portafoglio? #FacceCaso.

Università: pausa di 15 minuti fra una lezione e l’altra e hai voglia di un caffè. Alle macchinette c’è una fila assurda. La gente che chiacchiera, che apre il portafoglio per trovare gli spicci, attende il resto.. insomma la pausa finisce e comincia lì davanti.

C’è da dire che ormai la sosta alle “macchinette” è diventata molto più del rito di una semplice pausa caffè. Si tratta di un modo per socializzare, rilassarsi o sgranchire le gambe dopo tante ore di lezione. Diciamocelo, le macchinette fanno ormai parte della vita quotidiana degli studenti.

Questo tipo di commercio non si trova solo all’università, ma anche a scuola a lavoro, in stazione, sulla metro, negli ospedali, nella maggior parte dei luoghi pubblici. Tu pensa che bello che si potesse prendere qualcosa da mangiare alle macchinette senza il bisogno di scomodare il portafoglio? Da pochi mesi grandi aziende di questo settore hanno inserito un rivoluzionario sistema di pagamento digitale sui distributori automatici.

Potrai fare acquisti alle macchinette grazie ad una semplice app tramite il tuo smartphone, senza dover tirare fuori nemmeno un centesimo. L’esperimento ha avuto inizio nelle province di Imperia e Savona. La Ligure Vending, un’azienda che opera nell’ambito della distribuzione automatica, testerà questa nuova tecnologia presso le strutture più grosse del Ponente Ligure.

Elisabetta Bonino, titolare di Ligure Vending, ha fatto sapere:

“I pagamenti digitali rappresentano la nuova sfida su cui si dovrà misurare il settore della distribuzione automatica. Abbiamo deciso di sperimentare questo servizio migliorativo, restando al passo con l’evolversi della tecnologia e per dar voce alle esigenze specifiche di ogni singolo cliente, oltre a fornire una presenza molto più capillare e veloce!”.

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0