Epidemie e 4K, tutto e il contrario di tutto al TG USA

Epidemie e 4K, tutto e il contrario di tutto al TG USA

Secondo appuntamento del 2019 ed è già tempo di bombe al TG USA, dove parleremo di epidemie, di grafiche 4K e di molto altro ancora. Stando in Italia

Ricordati di Me: oggi è la giornata mondiale dell’Alzheimer
E se per curare l’Alzheimer ci volessero…i delfini? Ci pensa l’Università di Teramo
Ecco alcune delle ultime proposte per combattere il bullismo

Secondo appuntamento del 2019 ed è già tempo di bombe al TG USA, dove parleremo di epidemie, di grafiche 4K e di molto altro ancora.

Stando in Italia, si sa, non risulta difficile rimanere informati su quelli che sono gli eventi e le problematiche che caratterizzano le università del nostro Paese. E’ un po’ più raro, invece, leggere o ascoltare notizie sugli atenei esteri, in particolare su quelli d’oltreoceano.

Per ovviare a questo problema noi di FacceCaso abbiamo ideato una rubrica settimanale che ha come obbiettivo quello di portare alla vostra attenzione, attraverso dei flash, le 3 news più interessanti che hanno caratterizzato il panorama universitario statunitense. Siete pronti? Questo è TG USA, let’s start!

Fuga di cervelli

Il cervello in questione è quello di Rachele Donato, 26enne di Avellino laureata in Biotecnologie, che partirà presto alla volta degli States. A godere delle potenzialità dell’ex allieva dell’Università di Benevento sarà la Washington University di St. Louise (Missouri). Qui Rachele avrà la possibilità di lavorare al fianco di un altro italiano, il professor Marco Colonna, con il quale condurrà ricerche sul sistema immunitario nell’ambito di patologie neurodegenerative come la Sindrome di Alzheimer.

Studiare in 4K

E’ senza dubbio uno degli obbiettivi principali dell’Università di Santa Clara. Per centrarlo l’ateneo californiano ha appena adottato il software cloud-based QL della Navori. Si tratta di un sistema di digital signage che, tramite una rete composta da oltre 80 display, offre servizi come appunto una riproduzione della grafica 4K di assoluta qualità.

Pericolo epidemie, ecco i possibili “hotspots”

Ad individuarli è stato un team di studiosi della UC Davis. I ricercatori dell’ateneo californiano ritengono che le specie selvatiche più propense ad ospitare virus, quali il West Nile, il dengue, la febbre gialla e soprattutto la Zika, si trovano principalmente in America Meridionale, nel sud-est asiatico e purtroppo anche in Europa.

 

E con quest’ultima notizia termina qui quest’edizione del TG USA. Noi ti ringraziamo per averci seguito, ti auguriamo una buona serata e se sei arrivato a leggere fin qui allora…FacceCaso!

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0