Tempo di lettura: 1 Minuti

College decision: il nuovo trend di YouTube

College decision: il nuovo trend di YouTube

Scrollando la home page di YouTube sono sempre più frequenti le College decision reactions, ma cosa sono e cosa ci dicono degli USA? Quando non ho nu

Colloqui su Skype? Al Liceo Classico B. Telesio di Cosenza si può
Doppia laurea e depressione da social network; notizie bomba al TG USA
Virgilio: la protesta continua nonostante genitori e studenti contrari all’occupazione

Scrollando la home page di YouTube sono sempre più frequenti le College decision reactions, ma cosa sono e cosa ci dicono degli USA?

Quando non ho nulla da fare mi piace scrollare la home page di YouTube in cerca di nuovi video. Vlog, study with me e tutti quei contenuti che mi facciano venire la voglia di studiare. Sono un po’ di giorni, però, che mi imbatto sempre negli stessi: i College decision reaction, che mi hanno fatto molto riflettere.

Cosa sono?

Sono dei video in cui ragazzi e ragazze aprono “live” sui loro canali YouTube le decisioni dei vari college americani. Le parole che si sentono di più sono “Admitted, rejected o waitlisted” ovvero “ammessi, non ammessi, in lista d’attesa”. Sono video fatti di sorrisi, ma soprattutto di lacrime e di ragionamenti sui vari college americani.

Ho visto ragazzi fare application per circa ventidue università. Ventidue, e venire ammessi in una o due, al massimo sei. Tutti aprono il video con quasi la stessa frase: “So quanto è difficile entrare, quanto è difficile prendere una borsa di studio, ma c’ho provato lo stesso”.

Ebbene sì, entrare in uno dei prestigiosi college americani è molto ma molto difficile. Ti servono buoni voti ai test standardizzati, buoni voti a scuola, volontariato, attività extra-curriculari oppure delle tangenti pagate dai tuoi genitori, ma questa è un’altra storia.

Molti ragazzi spiegano quanto sia complicato e proibitivo andare a studiare in certe università, come quelle della famosa Ivy League dove un programma di laurea undergraduate può arrivare a costare 200.000 dollari. Una cosa, decisamente, non per tutti.

Eppure loro fanno domanda lo stesso, perché meglio indebitarsi che non andare al college. Meglio piangere davanti ad un computer che non sapere cosa fare nella vita. Tutto questo, online su YouTube.

I più alti livelli di istruzione, negli USA, non sono per tutti, anzi. Eppure la voglia di continuare a studiare di questi ragazzi è spaventosa.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0