Tempo di lettura: 3 Minuti

Medicina di genere, la storia di quando le università anticipano le leggi

Medicina di genere, la storia di quando le università anticipano le leggi

Mai sentito parlare di medicina di genere? In questo caso le università di medicina italiane hanno battuto sul tempo le leggi dello Stato. La medicin

Problemi a scuola per molti disabili, una storia che non ci piace
Emilia-Romagna per i giovani: alloggi, affidi e cittadinanza
SOS Alternanza: un ragazzo ferito a Prato. E non è il solo…

Mai sentito parlare di medicina di genere? In questo caso le università di medicina italiane hanno battuto sul tempo le leggi dello Stato.

La medicina di genere è quel ramo della medicina, solo recentemente esplorato, che si focalizza sulle differenze di genere nell’approccio alle materie. In questi giorni si parla di un decreto attuativo di una legge per la diffusione di questo tipo di studi, ma nelle università italiane questo tipo di corsi sono già attivi da tempo.

La medicina di genere

Sin dalle origini la medicina è sempre stata impostata su uno studio prettamente incentrato sul corpo dell’uomo. Ma non è certo una novità che uomini e donne sono molto diversi e necessitano anche di cure e attenzioni al proprio corpo che tengano conto di queste differenze. Come afferma anche il Ministero della Salute, fino a non molto tempo fa, le differenze nell’approccio della medicina sul corpo della donna erano solo relative a tutto ciò che concerne la riproduzione. Solo recentemente si è sviluppato l’interesse per lo studio e l’approfondimento delle differenze di genere anche sotto altri punti di vista.

Quando le università arrivano prima delle leggi

Come vi anticipavo, solo ora in parlamento è in discussione un decreto per disciplinare come le università dovranno impegnarsi in questa direzione. In realtà però, come sottolinea la Prof.ssa Tiziana Belliniin un articolo pubblicato su “Quotidiano Sanità” le università italiane già da tempo si sono attivate per inserire dei corsi specifici.

Per esempio l’Università di medicina di Ferrara ha già predisposto un metodo da adottare per l’inserimento nella didattica degli insegnamenti di medicina di genere. Ma, più in generale l’80% delle facoltà di medicina in Italia sta inserendo o ha già inserito obiettivi o insegnamenti riguardati questo nuovo ramo.

Piccoli cambiamenti verso un mondo sempre più sensibile alle donne! 

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0