Tempo di lettura: 1 Minuti

Corso di “royal outfit” all’università di Glasgow

Corso di “royal outfit” all’università di Glasgow

All'università di Glasgow è stato istituito il corso in "History of Royal Fashion". Si studierà l'outfit della famiglia reale dal medioevo a oggi. Di

Sequestrata la scuola di Roccastrada: quelle strutture non antisismiche
Bravo studente? Paghi meno l’università!
A Benevento si celebra la giovane imprenditoria meridionale

All’università di Glasgow è stato istituito il corso in “History of Royal Fashion“. Si studierà l’outfit della famiglia reale dal medioevo a oggi.

Dio Salvi la Regina… E il suo guardaroba! Non che Elisabetta II abbia bisogno di chissà quale agghindamento per dare lezione di stile a chiunque, ma quando si parla di famiglie reali l’apparenza è fondamentale. Talmente tanto da necessitare studi specifici. Non solo in senso tecnico, ma anche, letteralmente, sui libri. Per questo, all’Università di Glasgow hanno pensato di istituire un corso in “History of Royal Fashion”. Dai Plantageneti agli attuali Windsor, mille anni di evoluzione del “royal outfit” da approfondire e comprendere nei suoi significati.

Da che esiste l’uomo, il concetto di “capo”, infatti, è abbinato da sempre ad una appariscenza simbolica di potere. E se si parla di un re o di una regina è tutta la famiglia che deve apparire “in un certo modo” in pubblico. Mostrando, appunto, quella regalità che sia d’esempio per i sudditi. In particolar modo quelli britannici, emotivamente molto attaccati a ciò che proviene da Buckingham Palace.

Nell’era dei social media poi, l’attenzione all’immagine è esasperata alla millesima potenza. A maggior ragione se i rampolli hanno deciso di sposare “comuni borghesi”, amplificando ulteriormente il legame diretto con il popolo. Le principesse consorti Kate Middelton e Meghan Markel sono considerate delle vere e proprie influencer. Ecco perché l’outfit va curato, preservato e studiato. Dal capostipite della dinastia fino all’ultimo degli eredi, tutto deve conformarsi all’evoluzione dei tempi, conciliando la mutevolezza dei costumi alla simbologia del potere regio. Dai mantelli cremisi foderati di pelliccia d’ermellino, alla più attuale scollatura a barca sfoggiata frequentemente dalla Duchessa del Wessex. Abbigliamento, quest’ultimo, che ha fatto impennare le richieste di abiti simili tra le consumatrici britanniche e non solo. Passano i secoli, ma la moda reale resta il mezzo principale per manifestare potere, ricchezza e controllo.

#FacceCaso

Di Tommaso Fefè

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0