Tempo di lettura: 3 Minuti

I migliori metodi per ottimizzare lo studio

I migliori metodi per ottimizzare lo studio

Passare ore e ore sui libri è faticoso. Lo studio continuo, letture e ripetizioni, noioso. Ma c'è un metodo che puoi utilizzare per ottimizzare il tem

Spreadthesign: l’app per conoscere la LIS
Il 29 Settembre all’Aquila c’è Univaq: scienza e divertimento
Scuola italiana: 1 docente su 5 è supplente

Passare ore e ore sui libri è faticoso. Lo studio continuo, letture e ripetizioni, noioso. Ma c’è un metodo che puoi utilizzare per ottimizzare il tempo.

Cosa c’è di più noioso dello studio? Probabilmente nulla. Soprattutto quando si è ragazzi, la prospettiva di passare ore e ore su un libro può sembrare veramente poco allettante. Se poi ci mettiamo dentro che ci sono un sacco di possibili distrazioni, ecco fatta la frittata.

Cellulare, playstation varie, giochi al pc, amici e comitive, sport, ragazzi e ragazze, sono solo alcune di queste distrazioni. Così allettanti, così proibite. Tutto, ma veramente tutto, risulta più gustoso dello studio quando si deve preparare un’interrogazione.

Ottimizzare i tempi di studio

Ecco perché ottimizzare i tempi può essere una ottima alternativa. Meno lavoro, più guadagno. Meno fatica, più tempo per cazzeg… ehm… per fare ciò che ci piace.

Secondo John Dunlovsky, ricercatore della Kent State University, ci sono sì innumerevoli modi di approcciare lo studio, ma alcuni di questi risulterebbero infinitamente più efficaci di altri.

Rileggere? Meglio di no

Può essere, ad esempio, un buon modo rileggere due-tre volte la pagina da studiare? A quanto pare no. A sentire Henry Roediger e Mark McDaniel, psicologi specializzati nel campo della memoria della Washington University, “quando si rilegge per la seconda volta qualcosa lo si fa pensando – questo lo so, questo lo so -.

Perciò, in sostanza, non stai elaborando approfonditamente il testo, né apprendendo più cose. Spesso le seconde letture sono sbrigative e pericolose, perché ti danno l’impressione di sapere molto bene la lezione, mentre in realtà ci sono dei buchi”.

Ma allora che si fa?

Ecco i consigli di Dunlovsky:

Farsi domande a proposito di ciò che si è studiato, così da capire davvero cosa non avete compreso

Schemi e tabelle possono risultare molto utili

Per la maggior parte degli studenti, per quanto noiosa, la pratica della ripetizione ad alta voce sembra essere la mossa migliore. Questo vale ancora di più per date, eventi storici e nozioni “pure” slegate da un contesto

Cambia spesso posto in cui studi, il tuo cervello ne gioverà sicuramente.

Preparare un piano di studi adeguato sembra essere un’ottima idea. “Si può annaffiare il proprio giardino una sola volta la settimana per 90 minuti, o si può ottenere un risultato migliore se lo si annaffia mezz’ora per tre volte la settimana, ottenendo un prato più rigoglioso”.

#FacceCaso

Di Giulio Rinaldi

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0