Tempo di lettura: 2 Minuti

Arriva il patentino per smartphone

Arriva il patentino per smartphone

“I ragazzi stanno sempre al cellulare!” Proprio per questo è stato varato un progetto che dovrebbe portare nelle mani degli studenti il patentino degl

Duo: la videochiamata by Google
Ragazzi stressati se non hanno il cellulare sottomano, uno studio lo conferma
Il grande ritorno del Nokia 3310

“I ragazzi stanno sempre al cellulare!” Proprio per questo è stato varato un progetto che dovrebbe portare nelle mani degli studenti il patentino degli smartphone. Attesterà che lo studente ha acquisito la capacità di utilizzare in maniera corretta e responsabile i “telefoni intelligenti”.

Il programma “Scuole che promuovono salute” della regione Piemonte, in collaborazione con le Asl della provincia di Cuneo e delle scuole “Umberto I” di Alba e “Peano-Pellico” di Cuneo, ha permesso l’avviamento del progetto “Un patentino per lo smartphone” che durerà fino a Maggio 2020. Scopriamo di che si tratta.

I docenti parteciperanno a dei corsi appositi che serviranno a formarli in materia “smartphone” per poi riportare le conoscenze acquisite nelle aule dei rispettivi licei.

Lo scopo fondamentale del progetto è quello di insegnare l’uso corretto dello smartphone sia da un punto di vista pratico e tecnologico che dal punto di vista delle potenzialità che tali strumenti offrono, nonché della sicurezza e responsabilità necessarie per sfruttare a pieno questi strumenti.

Tale progetto risponde all’esigenza di far comprendere che lo smartphone può essere una risorsa se utilizzato correttamente. Uno dei punti che si pone di raggiungere il progetto è quello di non lasciare che gli smartphone influenzino negativamente lo stile di vita dei ragazzi che si trovano tra le mani l’accesso ad un mondo sconfinato nel quale non hanno ancora una guida.

Il patentino verrà rilasciato agli studenti che supereranno un esame che si svolgerà al termine del corso in occasione di un evento pubblico al quale parteciperanno anche le famiglie.

Questo cambio di approccio delle scuole e delle istituzioni al grande mutamento sociale nell’era degli smartphone sembra essere molto positivo e, se il progetto riscontrasse risultati positivi, su scala nazionale potrebbe avere un impatto significativo sui giovani e sul loro rapporto con il web.

#FacceCaso

Di Alessandro Mameli

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0