Tempo di lettura: 2 Minuti

All’Università di Bari il corso di Sostenibilità

All’Università di Bari il corso di Sostenibilità

Inaugurato ieri, 27 gennaio, all'università di Bari il corso di alta formazione per formare competenze nel campo della sostenibilità. Il tema della s

LUISS Open, una nuova piattaforma per la ricerca
Ti piacerebbe ricevere 3mila euro al mese per vivere in una villa di una bellezza indescrivibile e creare opere d’arte?
devAcademy: creare un’app non è mai stato così facile

Inaugurato ieri, 27 gennaio, all’università di Bari il corso di alta formazione per formare competenze nel campo della sostenibilità.

Il tema della sostenibilità fa breccia nelle università italiane. Tra gli studenti il messaggio di uno stile di vita più ecocompatibile rimbomba da tempo. Uno sviluppo della società consapevole e attento a limitare gli sprechi è il tema main stream del momento. Tanto che ora anche dentro le aule lo si comincerà ad approfondire al meglio. È partito infatti ieri all’Università di Bari il Corso di Alta Formazione in “Sustainability Management“. Progetto che rientra nell’ambito del partenariato Euromediterraneo per l’Innovazione e l’evoluzione dell’economia circolare. L’UniBa, per altro, non è nuova simili iniziative. Già da tempo porta avanti vari progetti, in linea con l’agenda 2030, a favore dello sviluppo sostenibile.

Il corso di Sostenibilità coinvolge una rete di 74 atenei italiani (RUS, Rete delle Università Sostenibili). L’obiettivo è formare figure professionali che sappiano supportare i processi politici e decisionali su questo argomento.

Cosa prevede il corso

Il percorso formativo si svilupperà affrontando vari aspetti della tematica. I partecipanti analizzaranno la gestione delle risorse umane e quello delle risorse naturali, di energia e mobilità. L’organizzazione del ciclo dei rifiuti, il green public procurement. Previsti specifici approfondimenti relativi alle norme comunitarie sui “sistemi di gestione per lo sviluppo sostenibile nelle comunità”. In merito alla materia trattata, la norma ISO 37101:2019, di recentissima pubblicazione, per la prima volta diverrà oggetto di una formazione universitaria. I tre pilastri della sostenibilità, quello ambientale, quello sociale e quello economico, dettati dalla stessa norma, saranno alla base dell’intera trattazione del corso.

Numerose le personalità, impegnate sul versante dello sviluppo sostenibile, presenti all’evento inaugurale. Il prof. Enrico Giovannini, Portavoce di ASviS, ex Ministro del Lavoro e delle politiche sociali del governo Letta e Presidente ISTAT fino al 2013. Con lui la prof.ssa Patrizia Lombardi e il professor Carmine Trecroci. La prima è presidente della citata RUS. Il secondo è coordinatore del tavolo “Capacity Building” della medesima rete universitaria.

Un primo passo importante verso una diffusione anche al livello accademico in Italia del messaggio green. Che poi sembra possa diventare già nell’immediato futuro una guida politica per il mondo.

#FacceCaso

Di Tommaso Fefè

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0