Tempo di lettura: 2 Minuti

A scuola con… Pippo Baudo!

A scuola con… Pippo Baudo!

Che scuola hanno frequentato i VIP italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuovissima rubrica. Oggi tocca ad un mito vivente: Pippo Baudo. Vi siete mai

Torino, insegnanti in guerra contro i fast food “universitari”
I social fanno male, e lo dice Facebook
Capodanno? Io aspetto la mezzanotte a teatro …

Che scuola hanno frequentato i VIP italiani? Ve lo diciamo noi in questa nuovissima rubrica. Oggi tocca ad un mito vivente: Pippo Baudo.

Vi siete mai chiesti quale scuola avessero frequentato da adolescenti personaggi come Salvini, PIF o Salmo? Noi sì. E visto il successo della nostra rubrica sugli sportivi, abbiamo deciso di allargare il campo, includendo nella nostra indagine attori, musicisti, politici e chi più ne ha più ne metta.

Domani si festeggia il compleanno di una vera e propria icona del nostro Paese. Domani una delle colonne portanti della televisione italiana spegnerà 84 candeline e per omaggiarla noi di FacceCaso andremo a ripercorrere la sua giovinezza. Signore e signori, il protagonista di oggi: Pippo Baudo.

D’altro canto le origini del mito risalgono proprio alla sua adolescenza, quando il 14enne Giuseppe Raimondo Vittorio (adesso capiamo il perché del nome d’arte) si trasferisce a Catania insieme alla sua famiglia e lì inizia a frequentare il Liceo Classico “Nicola Spedalieri” (Via Randazzo 17). Liceo che per il giovane Pippo sarà anche il primo vero palcoscenico della sua vita.

Nell’ultimo anno di superiori, infatti, il futuro mattatore del Festival di Sanremo (nessun altro vanta il suo stesso numero di conduzioni) mette in scena, con l’aiuto dei compagni di classe, la commedia del compianto Giovanni Mosca “L’ex alunno” e dopodiché consegue il diploma.

Terminato il liceo, Pippo mette momentaneamente da parte la sua vena artistica e prosegue gli studi iscrivendosi alla facoltà di Giurisprudenza dell’Università degli Studi di Catania. Là conosce Tuccio Musumeci, aspirante comico a cui Baudo farà qualche anno più tardi da spalla.

Un ruolo che lo fece conoscere al grande pubblico e che di fatto gli aprì le porte dello spettacolo. La sopraggiunta notorietà, però, non impedì a Pippo di laurearsi in legge. E Baudo riuscì a trasformare in uno show anche quell’evento: alla discussione arrivò infatti appena in tempo e lo fece a bordo di un camioncino che trasportava frutta e verdura. Che dire, giù il cappello.

#FacceCaso

Di Gabriele Scaglione

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0