Tempo di lettura: 2 Minuti

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo singolo di Decrow

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo singolo di Decrow

Nuovo appuntamento con le nostre interviste musicali: oggi è Decrow a passare sotto le grinfie della nostra redazione per parlare del nuovo singolo.

Laplastique: con il brano “Frastuono” rievoca il passato che non torna
FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo album di TAMÌ
ama il lupo pubblica il suo nuovo singolo: “Frigo”

Nuovo appuntamento con le nostre interviste musicali: oggi è Decrow a passare sotto le grinfie della nostra redazione per parlare del nuovo singolo.

Esce venerdì 17 giugno 2022 in distribuzione Believe Digital “Cuore Aperto”, il nuovo singolo di Decrow ft. yuks. Primo capitolo atipicamente estivo, energico e dalle sonorità pop-punk, questo brano segue il precedente singolo “Laser” e ci riporta nel mondo sopra le righe delle feste notturne e dei dopo sbronza. “Cuore aperto” parla di una relazione d’amore tossica sull’orlo della fine in cui le ansie date dalla paura di perdere l’altro causano il batticuore e affanno.

Noi abbiamo deciso di fargli qualche domanda!

Questo è un sito dedicato agli studenti, quindi non possiamo che cominciare se non col chiederti qualcosa di più sul tuo percorso scolastico
Allora il mio ultimo titolo di studio è il diploma al liceo scientifico, poi mi sono iscritto al DAMS, università del cinema e dello spettacolo ma dopo aver dato tutti gli esami delle materie che mi interessavano ho abbandonato perché non mi stimolava più e a me dei pezzi di carta non me ne frega niente. Mi ero iscritto solo perché ho la passione del cinema e volevo capire determinati film che da solo magari non avrei capito fino in fondo, avere nuovi strumenti per capire le cose che mi interessavano.

Hai studiato anche musica? Si può fare musica anche senza studiarla?
No non L’ ho mai studiata, apparte qualche lezione di canto, niente. Da ascoltatore ne ho ascoltata tantissima e quindi so capire a orecchio un po’ di accordi ma non ho mai studiato musica e a suonare sono scarsissimo!

In qualche modo tu sembri un po’ la prova che anche facendo un genere lontano dall’indie-pop è possibile entrare nel meccanismo delle playlist di Spotify. Come ti senti a riguardo? E quanto sono importanti?
Allora guarda io non bado tanto ai generi o a classificare le cose comunque sopratutto la mia musica. Ho fatto “laser” brani mega elettronico, poi “cuore aperto” super poppunk, domani se mi sveglio che voglio fare un brano metal lo faccio. Secondo me è L’ intenzione che hai, è quello che vuoi esprimere che classifica il tuo publico. Cioè al mio pubblico o comunque a chi mi scopre per la prima volta sia che si ascolta un brano più rock, sia uno più elettronico comunque gli arrivano vibe simili. E lo stesso penso sia capitato a chi gestisce le playlist e sono fiero di questo.

Tuo padre alla fine cosa pensa della tua musica?
Gli piace un sacco. A tutta la mia famiglia. Quando faccio le canzoni più hardcore un po’ meno ma di base gli piacciono tutte. Non mi vengono a vedere ai live perché sanno che a fine live bevo sempre troppo quindi poi dovrebbero fare i genitori ahahahaha! A volte vengono mi fanno i complimenti alla fine e poi scappano!

#FacceCaso

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0