Tempo di lettura: 3 Minuti

Giornalismo Italiano, situazione critica: 77° posto per la libertà di stampa

Giornalismo Italiano, situazione critica: 77° posto per la libertà di stampa

Nella giornata mondiale per la libertà di stampa, Reporters sans frontieres stila la classifica dei paesi di tutto il mondo. Se tra i peggiori ci sono

Sulla morte di Giulio Regeni ora parlano i giovani egiziani
Condannata Shima: una cantante islamica e la libertà delle donne musulmane
Cosa comprare in viaggio? Ecco come scegliere i migliori souvenir dal mondo!

Nella giornata mondiale per la libertà di stampa, Reporters sans frontieres stila la classifica dei paesi di tutto il mondo. Se tra i peggiori ci sono quelli con leader autoritari (Russia,Cina), l’Italia non sta messa bene

Il peggio, per quanto riguarda i diritti dei giornalisti, era scontato: la Russia di Putin, la Cina comunista e l’Egitto del dittatore/presidente Al-Sisi, paesi in cui i diritti sono nel complesso limitati, non poteva essere diversamente per la stampa.
Ma andiamo ad osservare il recinto di casa nostra: posizione n° 77 su 180, meno liberi di Haiti(53°), Ghana(26°),Serbia (59°) e Tanzania (71°). In Europa solo la Grecia vive una situazione più drammatica della nostra, mentre i primi posti sono dominati dai liberali paesi del Nord Europa, quali Finlandia,Paesi Bassi e Norvegia, ma anche da piccole realtà come Giamaica e Costarica. Altre posizioni interessanti? Eritrea,fanalino di coda,<<una dittatura dove l’informazione non ha alcun diritto>>.

Le motivazioni sono di ogni genere,nazione per nazione, con reporter assassinati per motivi religiosi,politici e criminali, il problema Italiano è proprio quest’ultimo: da noi le violenze perpetrate ai danni di giornalisti sono legate principalmente a coloro che indagano su criminalità organizzata e corruzione.

Visti gli altissimi livelli e penetrazioni di queste due problematiche nella struttura nazionale, non può sorprendere quindi che la condizione sia tale. Nella speranza che il futuro possa sorriderci, ricordo le parole del grande Indro Montanelli: “Chi di voi vorrà fare il giornalista, si ricordi di scegliere il proprio padrone: il lettore”.

Di Umberto Scifoni

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 1