Tempo di lettura: 2 Minuti

La titolarità nella scuola non va rinnovata ogni tre anni

Docenti niente paura, nessuno vi toglierà la titolarità se vi è stata assegnata una cattedra di potenziamento. #FacceCaso. Come ormai molti di voi san

Il Politecnico di Milano difende l’inglese sul Corriere
Abbiamo il tweet da record
Latinus vincit omnia!

Docenti niente paura, nessuno vi toglierà la titolarità se vi è stata assegnata una cattedra di potenziamento. #FacceCaso.

Come ormai molti di voi sanno, sono tantissime le novità che hanno interessato il mondo della scuola con l’introduzione della legge 107.

A partire dal prossimo anno scolastico cambieranno anche i movimenti territoriali e professionali, disposti in base all’organico dell’autonomia.
I trasferimenti e/o i passaggi, saranno sulle cattedre che risulteranno vacanti e disponibili e sarà comprensivo tanto dell’organico di autonomia quanto di quello di potenziamento.

Il trasferimento, per quanto riguarda quest’ultimo, preoccupa i docenti interessati che ritengono (erroneamente) di non acquisire la titolarità nella scuola in quanto vincolati dal potenziamento triennale come stabilito dal PTOF.

Niente paura, in quanto docenti trasferiti nella scuola, nessuno toglierà loro la titolarità e di conseguenza, non devono essere confermati dopo il triennio.

Se nella peggiore delle ipotesi non dovessero registrarsi contrazioni nell’organico della scuola, la loro titolarità non verrebbe assolutamente messa in discussione.

Importante sapere che non è scritto da nessuna parte che il potenziamento sia destinato solo ed esclusivamente ai docenti neo-ammessi, riservando le cattedre dell’OD esclusivamente ai “veterani”. Le cattedre di potenziamento infatti, potranno essere attribuite, in seguito a trasferimento, anche a questi ultimi, nonostante le numerose proteste dei docenti interessati. #FacceCaso.

Di Francesca Romana Veriani

 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0