Tempo di lettura: 3 Minuti

Se lo spinello fosse legale, aumenterebbe il numero dei consumatori?

Se lo spinello fosse legale, aumenterebbe il numero dei consumatori?

Torna in commissione la proposta di legge sulla legalizzazione della cannabis. Non esistono droghe pesanti o droghe leggere, la droga è una sola ed è

Ecco la marijuana legale, ora anche in Italia
“Modafinil”, quando una smart drug sfida limiti proibiti
Meno CoVid, più pesce palla: lo sballo dei delfini a cui non hai fatto caso

Torna in commissione la proposta di legge sulla legalizzazione della cannabis.

Non esistono droghe pesanti o droghe leggere, la droga è una sola ed è nociva e dannosa in ogni caso, ed è da questo che deve partire tutto. Ecco perché sta crescendo il timore che possa passare un messaggio opposto a quello fondamentale con la legalizzazione di alcune sostanze stupefacenti.
Proprio in questi giorni e in queste ore si sta discutendo in proposito, con il ritorno in commissione della proposta di legge sulla legalizzazione, proposta che, se accettata dalla camera, porterebbe a un vero e proprio sconvolgimento delle regole fino ad oggi rispettate.
Il Ministro della Salute,  Beatrice Lorenzin, si dichiara in disaccordo con il messaggio che lancerebbe questa norma tra i giovani e non solo, e nonostante abbia lei stessa ammesso di approvare l’uso medico di alcuni derivati della cannabis o della cocaina in quanto oppiacei utili ad uso terapeutico,  sottolinea la distinzione tra una scelta come la sua e una come quella con cui ci si apprestiamo a scontrarci nel caso fosse approvata.

Pensare di sconfiggere la criminalità o lo spaccio rendendo legale una sostanza che uccide, non è senza dubbio un buon modo per abbatterla, così facendo si incentiverebbero i giovani a farne uso senza subirne poi le eventuali conseguenze legali.

Anche i magistrati si schierano per il “No”, tutti uniti nello stesso pensiero, ma purtroppo l’ultima parola non è nemmeno la loro, dobbiamo rimetterci al buon senso e all’intelligenza di chi deciderà al posto nostro.

Di Ludovica Gentili

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0