Tempo di lettura: 1 Minuti

Chiesa: meno preti e più tecnologia?

Chiesa: meno preti e più tecnologia?

Il prossimo 25 marzo papa Francesco è atteso a Milano. Questo grande evento ha riportato alla luce un dato che potrebbe preoccupare alcuni, ma che vie

La Silicon Valley ha la sua chiesa
La proposta educativa del Vaticano contro gli insegnamenti di genere
La carenza di esorcisti è una grave emergenza: le università pontificie creino corsi di studio

Il prossimo 25 marzo papa Francesco è atteso a Milano. Questo grande evento ha riportato alla luce un dato che potrebbe preoccupare alcuni, ma che viene minimizzato da altri: la diminuzione del numero dei sacerdoti a Milano.

Una ricerca che è stata svolta qualche tempo fa dall’Università Cattolica rivela infatti che per il 2028 si prevede che ci sarà il 20% in meno di ragazzi che prendono in voti rispetto a venti anni prima. Un altro dato che potrebbe preoccupare è quello relativo invece al numero dei bambini che viene battezzato poiché ogni anno risulta un calo circa mille.

La nota positiva però c’è ed è quella relativa agli oratori. Questi ultimi sono sempre molto frequentati, anche da bambini che professano altre religioni, soprattutto durante i mesi estivi. La città vanta anche molte attività di volontariato ed organizzazioni che si occupano delle persone più in difficoltà. Monsignor Bressan, vicario dell’arcivescovo Scola, infatti non lascia trasparire alcuna preoccupazione in relazione ad un’ipotetica crisi che potrebbe attraversare la chiesa.
È stata creata anche un’applicazione online per fa sì che ci si potesse prenotare per seguire la messa di papa Francesco il giorno della visita.

Questo sembra essere un chiaro tentativo di avvicinare i giovani alla chiesa o comunque di avvicinare al loro mondo, così veloce e tecnologico, una cosa che prima non lo era.

#FacceCaso.

Di Sara Fiori

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0