Tempo di lettura: 3 Minuti

Una buona università? Tre consigli su come sceglierla

Una buona università? Tre consigli su come sceglierla

Scegliere una buona università molto spesso è difficile. Ecco una mini-guida per aiutarvi.   Immagino che molti di voi siano in procinto di s

Ci sono cose che non possono restare sui libri
Ingegneria della Mobilità: a Milano la Magistrale
Volare con Google Flights

Scegliere una buona università molto spesso è difficile. Ecco una mini-guida per aiutarvi.

 

Immagino che molti di voi siano in procinto di scegliere un’università, anzi meglio, una buona università. Chi ha già compiuto questo passo sa benissimo quanto sia difficile scegliere e quanto poi sia importante quella scelta, anche al di là della facoltà in cui ci si vuole specializzare.
Ecco allora qualche consiglio per sceglierla al meglio:

 

Lontano o vicino casa?

Eheh, vivere lontano da casa è tanto bello quanto complicato. Gli affitti nelle principali città sono alti ed è una spesa molto importante. Beh sappiate che partire vuol dire cambiare radicalmente la vostra vita, molto spesso anche in meglio. Attenti però, fate appello a tutto il vostro spirito di adattamento perché odiare la città in cui si vive non è per niente facile. Se non ve la sentite di fare questo grande passo è normale, magari lo farete dopo.

 

Controllare i siti!

Controllate tutto, ma proprio tutto. Dalle opportunità di tirocinio all’Erasmus (se siete interessati, ma è molto utile esserlo). Passando per le lingue straniere e i laboratori. Non dimenticate le associazioni! Una buona università vi da la possibilità di integrare il proprio percorso di studio con qualche competenza acquisita durante le pause studio fa la differenza nel vostro curriculum. Andate a cercare anche come è organizzata la vita universitaria e anche le aule studio, perché è lì che si fanno le migliori amicizie!

 

Informatevi con qualche studente

Chiedete in giro, a qualche conoscente magari. Informatevi sui corsi e sugli esami, senza farvi mettere ansia però. Chiedete dell’organizzazione e dei professori; quali si presentano a lezione e quali no; se le aule sono giuste e se non dovete sedervi per terra. Se capite che proprio non ve ne frega nulla di tutto ciò, vuol dire che siete disposti a tutto pur di fare quello che vi piace, che non è per niente male. Ma poi non dite che non vi avevo avvertito!

 

Per il resto, vivetela; vivetela tutta. Perché l’università è il momento in cui si cresce e in cui le vostre possibilità per il futuro crescono a vista d’occhio. Non abbiate paura di fare una scelta, ascoltate il cervello ma soprattutto la pancia!

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0