Tempo di lettura: 1 Minuti

Isis e Web: ecco il terrorismo 4.0 che attira i Millennials

Isis e Web: ecco il terrorismo 4.0 che attira i Millennials

Buona parte del successo dell'Isis è dovuto ad una vincente strategia di comunicazione, in grado trasformare anche i giovanissimi in vere e proprie bo

Rinunceresti al tuo smartphone per un anno intero? E in cambio di 100mila dollari?!
Bebe Vio non si ferma mai: Olimpiadi di Tokyo e poi laurea!
Che cosa sta succedendo in Bielorussia dopo le elezioni del 9 agosto 2020?

Buona parte del successo dell’Isis è dovuto ad una vincente strategia di comunicazione, in grado trasformare anche i giovanissimi in vere e proprie bombe umane

Raqqa, la capitale del sedicente Stato Islamico è appena stata liberata, quale momento migliore per parlare del rapporto tra Isis e Millenials?

Da quando l’Isis è salita alla ribalta è sotto gli occhi di tutti la strategia utilizzata: non più vere e proprie aggregazioni ma contatti online.
Attraverso Internet l’Isis ha saputo reclutare sempre più combattenti, diffondere messaggi di terrore, far sentire la propria ombra.

Purtroppo, come era nelle intenzioni, tra i molti a cedere sono stati i giovani, infervorati da false promesse, da alti ideali, dal poter maneggiare un’arma o  da qualche soldo facile.

L’Isis, la comunicazione e i giovani, possiamo dire una triade vincente.
A sottolineare il ruolo da protagonista che il web ha nella strategia degli jihadisti, soprattutto verso i giovani, è Arije Antinori, criminologo ed esperto di terrorismo.

“Ci sono delle gerarchie, dei media producer, un indotto centralizzato della comunicazione […]. L’innovazione del jihadismo online è nel fatto che l’audience della jihadisfera […] partecipa, costruisce, ricostruisce, genera, rigenera. È come chiedersi chi comanda nel web, se conta di più Facebook o i suoi utenti”.

  • In pratica, la forza dell’Isis sta anche nello riuscire a sfruttare i più giovani, parlando il loro linguaggio veloce ed immediato. Ma il Califfato sfrutta anche le loro deficienze culturali, in quanto spesso si tratta di ragazzi che vivono e si informano solo online. Ragazzi coltivati a violenza.
  • Di grande importanza è l’utilizzo dei social. L’Isis fa largo uso di Telegramsoprattutto per il fatto di avere lo switch tra chat pubblica e chat privata“.

Fondamentale sarebbe che i colossi del Web riuscissero ad individuare in anticipo i contenuti pericolosi lanciati dai terroristi, bloccandoli prima che siano disponibili su larga scala.

Prima ancora, però, è necessario agire sulla cultura dei ragazzi stessi, sulla loro formazione. Solo rendendoli in grado di capire cosa è giusto e cosa è sbagliato essi eviteranno di cadere nelle mani dell’Isis, dalle quali difficilmente se ne esce vivi.

#Faccecaso

Di Lorenzo Maria Lucarelli

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0