Tempo di lettura: 1 Minuti

Sgravi per assumere i giovani: cosa dice la Legge di Bilancio 2018

Sgravi per assumere i giovani: cosa dice la Legge di Bilancio 2018

Sono stati perfezionati gli sgravi per assumere i giovani previsti nella legge di bilancio 2018. Oggi parliamo di lavoro. E, ovviamente, di lavoro gi

Scuola, sciopero l’8 gennaio
Bando alle Ciance 2018: via ai progetti per i ragazzi!
Copiare alla Maturità? Ahi ahi!

Sono stati perfezionati gli sgravi per assumere i giovani previsti nella legge di bilancio 2018.

Oggi parliamo di lavoro. E, ovviamente, di lavoro giovanile. Ci sono delle belle novità, sia per i ragazzi che devono essere assunti e sia per coloro che devono assumerli. Eh sì, perché ci sono degli sgravi per assumere i ragazzi davvero importanti, che corrisponde circa al 50% per tre anni.

Con la legge di bilancio 2018 sono previsti incentivi per chi assume in modo permanente giovani under 30. Vuol dire che potrebbero essere assunti circa 425.000 ragazzi con contratto a tempo indeterminato. Potrebbero anche esserci dei problemi però.

Perché fino ad ora il requisito necessario per accedere agli sgravi era che il ragazzo assunto non avesse avuto altri contratti di lavoro nei sei mesi precedenti all’assunzione. I ragazzi dovevano consegnare da soli la documentazione necessaria e poi l’Inps avrebbe fatto i controlli. Dopo questi controlli molte aziende si sono viste ritirare il contributo. #Malemale
Ma c’è una soluzione, ovvero che l’Inps faccia i controlli prima dell’assunzione, solo attraverso il codice fiscale del ragazzo, controllando i lavori precedenti.

E non solo, dato che i contributi sono previsti per un periodo di tre anni i ragazzi potranno “portarseli dietro”, nel senso che se il primo contratto di lavoro è durato solo un anno saranno disponibili altri due anni per un lavoro diverso. I bonus sono previsti anche per gli apprendistati e per l’alternanza scuola-lavoro.

C’è anche una nuova regola per i licenziamenti, che non possono essere effettuati nella stessa unità operativa a meno che non passino sei mesi e che il neo-assunto non può essere licenziato prima dello stesso periodo di tempo. Ma questa non è una scusa per non lavorare eh.

Magari nei programmi dei partiti non ci sono molte misure per i giovani (guardate qui) ma c’è da dire che il Governo uscente qualcosa sta facendo. Non trovate?

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0