De Andrè canta la trap: ma cos’è?

Il nuovo tormentone di Facebook si chiama De Andrè canta la trap, vediamo di che si tratta. Quando la “vecchia” musica incontra la nuova. Certo che s

#FacceCaso alla presentazione di Diazepam, il nuovo video di Briga
Dal 2018 il Geoblocking non ci fermerà più
Il Sushi, storia di un disastro ambientale

Il nuovo tormentone di Facebook si chiama De Andrè canta la trap, vediamo di che si tratta.

Quando la “vecchia” musica incontra la nuova. Certo che se chiamiamo Fabrizio De Andrè vecchio non siamo per niente oggettivi ma era per facilitare la spiegazione. Parliamo di quel fenomeno che va sotto il nome di “ De Andrè canta la trap ”, si avete capito benissimo, proprio quel Faber canta la musica trap.

Beh, sicuramente l’avete visto su Facebook. E non vi dico le visualizzazioni sul social dove sono arrivate. Le cover fatte da Fabrizio De Andrè canta la trap vanno dalla Dark Polo Gang a Ghali, la cui Habibi suona bene quanto l’orginale.

Fatto sta che ha sbancato. Ha fatto qualcosa di davvero alternativo, unendo la tradizione della musica italiana a ciò che va di più in questo momento. Chissà magari i ragazzi andranno anche su Spotify ad ascoltare un po’ di Anime Salve o di Creuza de ma.

Ma chi è il genio di tutto questo? Non si sa. Si ha solo il nome di una pagina Facebook.

Nell’articolo di Noisey (qui) dove si trova l’intervista si capisce solo che è uno youtuber e che ha tra i venti e i trent’anni. E anche che adora il vero De Andrè, pilastro della sua vita musicale. E quanto lo capisco. Si nasconde dietro un nome apparentemente semplice, un po’ come Liberato, su cui tutta la community del web si è scervellata, arrivando a creare meme come quello di Pippo Baudo che dichiara di essere l’artista napoletano.

Pensate alla difficoltà di cantare con una voce così simile a quella del De Andrè originale, perché credetemi, da buona ascoltatrice del cantautore genovese, vi dico che “ci prende” in una maniera impressionante. Anche più di Marinelli ne “Il principe libero”. Sapete che vi dico? Che l’originale non si sta rivoltando nella tomba perché chi lo conoscerà in questo modo alternativo potrà imparare ad apprezzarlo, anche a tredici anni.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0