Tempo di lettura: 3 Minuti

Hackitalia: dove le giovani menti incontrano gli esperti

Hackitalia: dove le giovani menti incontrano gli esperti

Arriva Hackitalia, il filo che lega i ragazzi che vogliono cambiare il paese a chi, forse, un po’ ci ha già provato. Dopo 10 volte meglio, dopo l’ini

L’Europa inizia a Lampedusa
devAcademy: creare un’app non è mai stato così facile
Scuola, allarme dispersione. E se imparassimo dai finlandesi?

Arriva Hackitalia, il filo che lega i ragazzi che vogliono cambiare il paese a chi, forse, un po’ ci ha già provato.

Dopo 10 volte meglio, dopo l’iniziativa di Giovani Democratici (che trovate qui, e stay tuned!), dopo i giovani che decidono di fare politica da soli, arriva Hackitalia. Cos’è? Una maratona di idee, un insieme di ragazzi che vogliono migliorare questo paese attraverso idee sulle politiche da inserire in agenda, dal lavoro alla ricerca.

Chi sono? Sono 51 ragazzi, tra laureati, lavoratori e dottorandi che insieme ad otto esperti hanno tentato di elaborare delle policies efficaci per il nuovo governo, sperando di essere ascoltati. Non ci si limita solo ad esporre idee. Hackitalia è un concorso in cui tutti devono presentare il loro progetto per l’Italia del futuro su qualsiasi materia che i ragazzi volevano sviluppare.

In finale sono andate una squadra per ogni tema proposto e una giuria di esperti, dal consigliere economico del consiglio dei ministri ad un docente di politica economica alla Bocconi, ha deciso che il progetto migliore era quello sul cambiamento tecnologico. Di cosa si tratta? Di una ricetta per combattere la bassa produzione del paese, garantendo anche alle piccole e medie imprese il Piano Industria 4.0 di cui hanno beneficiato davvero poco.

Hackitalia è un’opportunità per tutti i ragazzi di scambiare idee e di imparare dai mentor, tra cui spiccano il presidente dell’INPS Tito Boeri e Carlo Cottarelli, direttore dell’Osservatorio sui conti pubblici. E in un articolo de Il Sole 24 ore di Alberto Annicchiarico (lo trovate qui, è del 23 Febbraio), Irene Tinagli ha dichiarato che è davvero interessante vedere come si incontrano “giovani menti ed esperti”.

È una #bellastoria e un gran progetto, sperando che nessuno di questi ragazzi sia tentato di andare all’estero nei prossimi anni. Vi prego.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0