Tempo di lettura: 3 Minuti

Pistoia: dove i sogni diventano realtà

Pistoia: dove i sogni diventano realtà

A Pistoia i ragazzi sono riusciti a dare una forma a delle invenzioni da sogno! Siamo a Pistoia, città nominata nel 2017 Capitale Italiana della cult

L’Università Federico II di Napoli compie 793 anni

Torino da il via alle immatricolazioni: fino al 5 ottobre il link sul sito dell’ateneo
La clamorosa novità di Amazon

A Pistoia i ragazzi sono riusciti a dare una forma a delle invenzioni da sogno!

Siamo a Pistoia, città nominata nel 2017 Capitale Italiana della cultura, città che per qualche giorno si è trasformata in una fucina di idee geniali realizzate da ragazzi che in quanto a idee sanno il fatto loro. Droni, applicazioni e realtà aumentata, la tecnologia li ha aiutati a realizzare “cose che voi umani non potete nemmeno immaginare”.

Sono stati quasi duemila i bambini e i ragazzi che si sono trasformati in piccoli inventori. Tra le loro creazioni troviamo un drone-dirigibile, che garantisce massima sicurezza nel volo, grazie al pallone aerostatico. E ancora, un videogioco interattivo della Divina Commedia e una realtà virtuale che ti permette di incontrare un grande scienziato e inventore come Galileo Galilei. Ai ragazzi dell’Istituto Alberghiero, invece, va il merito di aver inventato una gelatina alquanto avvolta nel mistero, grazie alla chimica e all’antica pratica dell’alchimia.

Tutto questo viene fuori da mesi e mesi di duro lavoro che i ragazzi di Pistoia hanno fatto. Il progetto è stato finanziato dalla Fondazione della Cassa di Risparmio della città ed è stata data la possibilità a tutti i ragazzi di partecipare. Nessun vincitore, ma soprattutto nessun vinto. Tutti hanno potuto esporre le proprie invenzioni alla mostra che si è tenuta come evento di chiusura del progetto, senza distinzioni.

Un’iniziativa che permette ai ragazzi di ogni età di esprimere il loro potenziale e soprattutto la creatività, un progetto che da quel quid in più che manca alla scuola. L’impegno da parte dei ragazzi è stato notevole, anche per dimostrare di essere diversi da coloro che stanno infangando il nome della scuola con la “s” maiuscola, visti i continui episodi di bullismo e violenza. E bravi!

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0