In Italia solo 32 atenei su 68 tutelano student* trans, scopri quali

In Italia solo 32 atenei su 68 tutelano student* trans, scopri quali

Brutto momento in Italia per i "non etero" dalle famiglie arcobaleno, ai ragazzi e ragazze omosessuali o trans. Dalla politica alle università sembra

Le motivazioni delle ragazze Neet: un mix di retaggi culturali e famiglia
Apre in Cile la prima scuola per giovani trans
A scuola valgono le disuguaglianze: cronaca di un sistema ancora schiavo delle classi sociali

Brutto momento in Italia per i “non etero” dalle famiglie arcobaleno, ai ragazzi e ragazze omosessuali o trans. Dalla politica alle università sembra che la voglia di inclusione e accettazione venga sempre meno.

Sebbene il clima politico non sia dei più promettenti per quanto riguarda i diritti della comunità LGBTIQ, continuano a nascere iniziative volte a mandare dei messaggi e a creare un’informazione omogenea. Questo è il caso di Universitrans, il nuovo sito che crea una mappa di tutte le università italiane che tutelano student* trans. Ha lo scopo di fornire informazioni e sensibilizzare rispetto alle tematiche e problematiche trans all’interno del mondo accademico italiano.

Universitrans: il sito che informa sulla tutela per student* trans nelle università italiane

L’iniziativa si rivolge agli studenti o studentesse trans che durante il loro percorso di studi hanno deciso di intraprendere anche il percorso di transizione di genere.
Il sito offre la prima mappatura digitale di tutte le università italiane pubbliche che offrono la Carriera Alias.

Cos’è la Carriera Alias?

Con Carriera Alias si intende la possibilità che gli atenei offrono a studenti e studentesse trans, ma anche docenti trans e personale trans di poter utilizzare dati anagrafici che, anche se non ancora resi ufficiali, corrispondono al sesso della persona.

Questa necessità nasce da una lacuna giuridica presente nel nostro ordinamento che consente cambiare i propri dati anagrafici solamente dopo essere passati per la riassegnazione chirurgica del sesso. Ciò significa che il cambiamento del nome avviene come ultima istanza in tutto il percorso di transizione di genere. Anche perché il tempo che intercorre tra la richiesta di modifica dei dati anagrafici e l’effettiva modifica varia dall’1 ai 3 anni di attesa.

Tutto questo tempo di attesa, nel caso in cui non ci dovessero essere adeguate tutele, può indurre la persona a interrompere gli studi, il lavoro ecc…

Quanto tutelano gli atenei italiani?

Dalle ricerche di Universitrans emerge che gli atenei pubblici italiani che consentono la Carriera Alias ai propri studenti sono sono 32 su 68. Invece le università che offrono altri tipi di tutele, come per esempio la possibilità di avere il doppio libretto, sono solamente 6. Una delle ultime università italiane che ha introdotto la Carriera Alias il 24 aprile 2018 è l’Università Ca’ Foscari di Venezia.

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0