Scandalo per la Tokyo Medical University test truccati per non far entrare le ragazze

Scandalo per la Tokyo Medical University test truccati per non far entrare le ragazze

Il problema delle disparità di genere; il sessismo si traduce in un vero e proprio scandalo per la Tokyo Medical University. Che l'uguaglianza tra i

Niente affitti alle studentesse trans. La storia di Ivy che a Palermo non riesce a trovare casa
Sapevi che esiste la Barbie con il velo?
Pochi votanti giovani: così non si cambia

Il problema delle disparità di genere; il sessismo si traduce in un vero e proprio scandalo per la Tokyo Medical University.

Che l’uguaglianza tra i sessi sia ancora un obiettivo lontano da raggiungere lo sappiamo. Ma davvero siamo ancora a questi livelli? La Tokyo Medical University ha truccato i risultati dei test d’ingresso per fare in modo che le ragazze non diventino future mediche.

“Le donne devono pensare alla cura della famiglia”

Che ne dite ragazze? concordate con questa affermazione? Io personalmente no, ma è così che la pensa ancora buona parte della popolazione mondiale. É proprio questa la motivazione per la quale i test d’ingresso alla Tokyo Medical University sono stati truccati, perché si teme che le donne, una volta impegnate nel lavoro e nella carriera, tralascino l’essere madri e la cura della famiglia.

Lo scandalo

La notizia è stata riportata nel quotidiano giapponese Yomiuri Shimbun, uno dei quotidiani più diffusi al mondo che ha dato la notizia. Secondo l’inchiesta sarebbero stati proprio i professori della rinomata università di medicina a manomettere i risultati dei test di ammissione.

Il bello, si fa per dire, della storia è che questi professori ci avevano proprio fatto l’abitudine, infatti questa pratica andava avanti dal 2011. Il tutto viene confermato dai dati, sempre riportati dal famoso quotidiano, che attestano come dal 2011 in poi il numero delle immatricolate alla Tokyo Medical University fossero solo il 30%.

Le disparità di genere

Il nostro mondo, impostato al maschile, fatica ancora a raggiungere l’obiettivo dell’uguaglianza. Noi donne siamo ancora discriminate in tutti gli ambiti, nella politica, nel lavoro, nei media, e anche nelle università. Ci sono continui miglioramenti, è vero, ma non ci si deve mai fermare o scoraggiarsi di fronte a notizie di questi tipo. É da qui che dobbiamo prendere la forza per affermare ad alta voce i nostri diritti così come anno fatto altre donne prima di noi.

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0