Tempo di lettura: 2 Minuti

Ma il freddo, fa davvero venire il raffreddore??

Ma il freddo, fa davvero venire il raffreddore??

Oggi voglio provare a sfatare un tabù, una credenza popolare che, però, non ha fondamento scientifico. Eh sì, parlo proprio del (maledetto) raffreddor

Ospedali sotto attacco
La tua vita in 21 immagini: vizi e insicurezze che non vogliamo proprio accettare
Tornano i cocktail, sta volta d’asporto

Oggi voglio provare a sfatare un tabù, una credenza popolare che, però, non ha fondamento scientifico. Eh sì, parlo proprio del (maledetto) raffreddore!

Se un uomo esce in mutande, la notte, nel bel mezzo dell’ Antartide, se lo prende il raffreddore?
Molto probabilmente NO. E questa non è la risposta che il 99% di noi si aspettava.

È infatti radicato nella nostra cultura che prendere freddo equivale a naso che cola, tanto che sfido a trovare una madre che non abbia mai detto al figlio “copriti se no ti ammali”.

Ma in realtà il raffreddore, come anche l’influenza, è l’espressione patologica di un infezione da virus, senza la quale è impossibile ammalarsi. In parole povere: se il virus non c’è, anche a 20 gradi sotto zero il raffreddore o l’influenza non si possono prendere.

E quindi, ritornando al nostro esempio, nel bel mezzo dell’ Antartide è talmente bassa la probabilità di trovare il Rhinovirus (il virus che causa il raffreddore) che quasi sicuramente il nostro uomo non si ammalerà (magari morirà di freddo…).

Ma a questo punto sorge spontanea una domanda: come mai allora ci prendiamo il raffreddore molto più spesso durante l’inverno?

Come sappiamo la modalità di trasmissione di influenza e raffreddore è per contatto diretto: più stiamo vicino ad una persona ammalata, più è probabile che ci contagi. Pensiamo a un venerdì tipo di metà febbraio: scuola o università la mattina, caffè al bar il pomeriggio, birra al pub o discoteca la sera; tutte attività svolte in luoghi al chiuso!

Durante l’inverno infatti, per difenderci dal freddo, tendiamo a passare il nostro tempo al coperto, favorendo così il contatto diretto tra raffreddati e sani, e di conseguenza la trasmissione del virus. Se passassimo tutti quanti più tempo all’aria aperta, il virus avrebbe molta più difficoltà a trasmettersi da un individuo all’altro.

Quindi se sei tra quelli che passano tutto l’inverno al chiuso e si imbacuccano dalla testa ai piedi per fare dieci metri per arrivare alla macchina, per poi proseguire la giornata tra bar, pub e simili, non ti lamentare se ti viene il raffreddore, stai facendo di tutto per essere contagiato.

#FacceCaso

Di Lorenzo Sampalmieri

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0