Tempo di lettura: 1 Minuti

Global Grad Show: le 5 app più interessanti

Global Grad Show: le 5 app più interessanti

Al centro del mirino la tecnologia, al centro delle 5 app più interessanti dell'evento. Eccole qui. #FacceCaso. Ogni anno a Dubai si tiene il Global

Influencer: a Torino il corso per diventarlo!
Lì dove mancano le relazioni: ecco la generazione Sneet
Estate 2018: ecco le canzoni più ascoltate su Spotify

Al centro del mirino la tecnologia, al centro delle 5 app più interessanti dell’evento. Eccole qui. #FacceCaso.

Ogni anno a Dubai si tiene il Global Grad Show. Si tratta di un evento che celebra le idee delle migliori scuole di design di tutto il mondo: 150 laureati provenienti da 100 paesi hanno appena presentato i loro progetti con l’intento di rendere il pianeta un posto migliore. 

Come si legge su Wired, il curatore della mostra Brendan McGetrick ha detto. 

“Qualche progetto può sembrare ingenuo ma in realtà il mondo delle università è quello a cui dobbiamo guardare per trovare le idee più audaci per risolvere i grandi problemi che ci attendono, ad iniziare dall’arrivo dell’intelligenza artificiale che porterà con sé tutti i pregiudizi di chi la crea e amplificherà il potere di chi ci governa. Perché è in questo spazio ancora libero da obiettivi puramente commerciali che la creatività può essere davvero libera di proporre soluzioni disinteressate da un possibile ritorno economico di pochi a discapito di molti”.

Al centro del mirino la tecnologia, al centro delle 5 app più interessanti dell’evento. Eccole qui.

  • Opacity, l’app che ci informa sul rispetto degli standard etici. 
  • Afford, un’app pensata per per frenare lo shopping compulsivo.
  • Flare Cycling, l’app per segnalare l’inizio e la fine di un tratto dissestato che è meglio non percorrere in bicicletta. 
  • Amica, l’app che usa l’intelligenza artificiale per metterti in contatto con le persone con cui condividi spazi o interessi, per non restare solo.
  • Memo, un’app creata dall’Accademia di Belle Arti di Varsavia con cui allenare la memoria giocando per i malati di Alzheimer.

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0