Tempo di lettura: 2 Minuti

Parrocchia tecnologica: per entare in chiesa si usa lo smartphone

Parrocchia tecnologica: per entare in chiesa si usa lo smartphone

Per entrare in chiesa è possibile richiedere una tessera magnetica per l’apertura della porta direttamente a don Armando Bosani, alle suore del paese

La classifica delle migliori università al mondo
Quando la Fiat ti regala l’Università online e tu non ci avevi fatto caso
Mamme sportive vs cellule zombie, è scontro finale al TG USA 2.0

Per entrare in chiesa è possibile richiedere una tessera magnetica per l’apertura della porta direttamente a don Armando Bosani, alle suore del paese oppure si può usare lo smartphone. #FacceCaso. 

Ok, a Milano stanno decisamente avanti. La parrocchia di Vanzaghello, paese di 5mila abitanti, diventa tecnologica. Il pericolo di furti e vandalismi nella casa di Dio impone di fare “una selezione” all’ingresso, in che modo? 

Utilizzando un’app da scaricare sul telefonino, oppure con una chiave elettronica. 

“La novità semmai è che un piccolo santuario del genere non sia chiuso come tutti gli altri del suo genere. La tessera e la app? Così abbiamo garanzie su chi entra e diamo anche garanzie ai fedeli. A loro non pare vero di avere un posto pulito, sicuro, raccolto e riscaldato nelle stagioni fredde in cui andare a pregare e vivere un momento di raccoglimento”. Dice Don Armando Bosani, un parroco negli ultimi anni ha fatto parecchio discutere.

“Il santuario è stato ristrutturato, l’intervento è stato importante e questo provvedimento è inserito nell’ambito dell’iniziativa del “rosario perpetuo”. Regolamentando gli accessi, ognuno può entrare quando vuole e avere un momento di raccoglimento in gruppo, con la famiglia o da solo: come meglio crede. Se lasciassi l’accesso libero, troverei abusivi che dormono nel santuario”. Spiega il sacerdote. 

Per entrare in chiesa è possibile richiedere una tessera magnetica per l’apertura della porta direttamente a don Armando Bosani, alle suore del paese oppure si può usare lo smartphone. Basterà scaricare l’app “Evva Airkey”.

#FacceCaso. 

Di Francesca Romana Veriani 

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0