Tempo di lettura: 1 Minuti

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo singolo di Caspio

FacceSapè: ecco la nostra intervista per il nuovo singolo di Caspio

Nuovo appuntamento con le nostre interviste musicali: oggi è Caspio a passare sotto le grinfie di Giorgia per parlare del suo nuovo singolo “Mai”. Es

Tasse universitarie: ma come funziona in Europa?
I giovani cervelli in fuga che scappano costano allo stato circa 14 Miliardi, ma non è colpa loro
La geniale idea anti-troll di un sito norvegese

Nuovo appuntamento con le nostre interviste musicali: oggi è Caspio a passare sotto le grinfie di Giorgia per parlare del suo nuovo singolo “Mai”.

Esce giovedì 25 marzo 2021 mai, il nuovo singolo di caspio (fuori per Le Siepi Dischi, in distribuzione Believe International). Un nuovo capitolo per l’atipico cantautore nato a Roma, ma trapiantato a Trieste che si muove influenze che derivano dagli anni Novanta, passando per il trip hop dei Massive Attack o dei Nine Inch Nails ed elettronica anni Ottanta. mai è un manifesto generazionale e che descrive una generazione, quella dei trentacinquenni, difficile da definire.

“Millenials” li chiamano, per il solo merito di aver assistito alla rivoluzione digitale e di essere stati coscienti – ma non troppo – quando il 2000 è diventato l’oggi. Una generazione disillusa da un lavoro che non si fa trovare, piegata da una società che non appartiene loro, sempre troppo giovani o troppo vecchi, rattristata da genitori che, per la prima volta della storia, stanno meglio di loro. Istruiti, cinici, scettici, in grado di reinventarsi: caspio omaggia la sua generazione. Una generazione che ha voglia di riprendersi ciò che le spetta, che ha voglia di riscatto. Una generazione che non si arrende, che non molla.

Mai.

Ecco cosa ci ha raccontato!

Come mai ti è così cara questa “nostra” generazione?
Io credo che la nostra generazione abbia qualcosa di speciale, così a cavallo tra l’analogico e il digitale. Svantaggiata, disillusa, sfortunata per certi punti di vista, ma proprio per questo così capace di reinventarsi. Siamo uniti da un’infanzia serena, dalla capacità – e dalla necessità – di stare davvero insieme, dalla musica, che mai ha offerto un panorama così vasto come negli anni ’90.

Qual è la tua personalissima definizione di trip hop?
Il termine trip-hop contiene la parola “viaggio”: il trip-hop è un moto continuo attraverso i vari generi musicali da cui attinge. Infatti, “mai” è un po’ elettronica, un po’ pop, un po’ rock.

Cosa ti è rimasto delle tue origini romane?
Nonnaggianna, che al telefono mi tira fuori un accento che mi sembra di dimenticare appena chiudo la chiamata. L’odore degli agrumi nel Giardino degli Aranci, a due passi dal Palatino: natura in mezzo alla storia. E l’amore smisurato per la pizza alla pala: un patrimonio.

Come mai “tutto minuscolo”?
Così, tutto minuscolo, meglio soddisfa il mio disturbo ossessivo compulsivo: tutte le lettere sono alte uguali, è dritto, lineare.

Quando ti vedremo tornare con qualcosa di nuovo?
Prestissimo. “mai” è solo l’inizio, per non perdere “mai” di vista gli obiettivi.

#FacceCaso

Di Giorgia Groccia

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0