Tempo di lettura: 2 Minuti

Biennale Architettura 2018! Venezia aspetta solo voi!

Biennale Architettura 2018! Venezia aspetta solo voi!

Durante tutto il suo svolgimento la mostra sarà accompagnata da conferenze, lectures, conversazioni e discussioni aperte.  #FacceCaso. La sedicesima

Latino al cinema? Merito de “Il primo Re”
Quanto contano i Master secondo l’UniCusano
Inquinamento: prevenire è meglio che curare!

Durante tutto il suo svolgimento la mostra sarà accompagnata da conferenze, lectures, conversazioni e discussioni aperte.  #FacceCaso.

La sedicesima biennale architettura è stata inaugurata a Venezia il 26 maggio e durerà fino al 25 novembre 2018. Scopriamola insieme.

Yvonne Farrell e Shelley McNamara -fondatrici e architetti della Grafton Architects- sono le curatrici artistiche della biennale di quest’anno. La mostra si terrà tra i Giardini, l’Arsenale e altri piccoli spazi espositivi di tutta la città. Il tema di quest’anno è ‘Freespace’ e si concentra sulla qualità dello spazio architettonico. Un viaggio tra spazi modulari, qualità dei materiali e l’organizzazione e disposizione del movimento, ma soprattutto un viaggio tra spazi liberi, comuni e gratuiti.

La mostra include 71 partecipanti di 63 nazioni, affiancati da altri 29 partecipanti in due sezioni differenti: la prima, composta da 16, dal titolo ‘Close encounter, meetings with remarkable projects’ presenta lavori nati da una riflessione su progetti del passato, edifici storici o edifici dimenticati. La seconda, di 13 dal titolo ‘The practice of teaching’ presenta progetti nati nell’ambito dell’insegnamento.

Durante tutto il suo svolgimento la mostra sarà accompagnata da conferenze, lectures, conversazioni e discussioni aperte. Il programma http://www.labiennale.org/it/architettura/2018/16- mostra-internazionale-di-architettura-0

Le novità! Ci sono sei nuovi paesi tutti da scoprire: Antigua e Barbuda, Pakistan, Libano, Guatemala, Arabia Saudita e Santa Sede.
Non manca il programma ‘Educational’, che dedica eventi, incontri e workshop ai giovani, ai bambini e alle famiglie, offrendo uno scambio aperto con professionisti e con le università, puntando al coinvolgimento attivo dei particpanti.

E ancora la giuria internazionale e i premi assegnati: il Leone d’oro come miglior partecipazione nazionale lo ha vinto la Svizzera che in tema di architettura non si smentisce mai. Una menzione speciale va anche alla Gran Bretagna che ha proposto l’utilizzo del vuoto per creare spazi liberi. Il Leone d’oro come miglior partecipante lo ha vinto il portoghese Eduardo Souto de Moura per la rivelazione essenziale del rapporto tra spazio, tempo e luogo.

Il Leone d’argento come giovane promettente è stato assegnato a Jan de Vylder, Inge Vinck and Jo Taillieu, tutti Belghi, per la dimostrazione che attesa e lentezza sono le basi per l’attivazione futura. Le menzioni speciali sono andat all’indonesiana Andra Matin per la sensibilità e la riflessione sui materilai e all’indiano- statunitense Rahul Mehrotra per l’initimità e l’empatia con cui affronta il tema delle barriere sociali. E infine il Leono d’oro alla carriera assegnato dal direttore Paolo Baratta a Kenneth Frampton, Gran Bretagna.

Cosa interessa a noi? Sconto studenti!!! Solo 15€ per visitare entrambe le sedi della Biennale e scoprire sempre di più http://www.labiennale.org/it/architettura/2018/informazioni

#FacceCaso.

Di Margherita Issori 

COMMENTS

WORDPRESS: 1
  • comment-avatar

    Tantissimi complimenti ai vincitori dei Leoni d’Argento e d’Oro per il bel lavoro compiuto. Sono sempre più convinto che quest’anno la Biennale sia davvero meravigliosa e tutta da scoprire!

  • DISQUS: 0