Tempo di lettura: 1 Minuti

Vacanze di Natale? Il calendario regione per regione

Vacanze di Natale? Il calendario regione per regione

Il 25 dicembre si avvicina e con lui le vacanze di Natale. Vediamo quali sono i programmi delle pause scolastiche regione per regione. Lo so che stai

Dal 2019 all’anno nuovo all’insegna del digiuno col TG USA 2.020
2019, il Best of di Giulio Rinaldi
Per chi fa Capodanno a Roma

Il 25 dicembre si avvicina e con lui le vacanze di Natale. Vediamo quali sono i programmi delle pause scolastiche regione per regione.

Lo so che stai andando a scuola e non vedi l’ora che arrivino le vacanze di Natale. Manca meno di una settimana al 25 ma non tutte le regioni hanno previsto lo stesso numero di giorni di vacanza o comunque non chiuderanno lo stesso giorno.
Bisogna ricordare, però, che tutte le scuole hanno l’obbligo di fare 200 giorni e in base a questo possono decidere il numero di giorni di vacanza da dare ai propri alunni.

Tantissime regioni faranno partire queste vacanze di Natale dal 23 dicembre, i ragazzi quindi faranno un vero e proprio weekend lungo a partire dal 22. Se vivi in Abruzzo, Emilia-Romagna, Marche, Toscana o Sardegna mi dispiace ma dovrai farti un lunedì in più rispetto ai tuoi coetanei di altre regioni. In queste, infatti, le vacanze inizieranno direttamente il 24 dicembre. Quelli che riescono a fare più giorni di tutti sono i ragazzi della Provincia Autonoma di Bolzano, le cui vacanze iniziano il 21. A gennaio, il calendario sarà uguale per tutti. Praticamente ogni regione, infatti, riaprirà le proprie scuole il 7, appena dopo l’Epifania a parte la Sicilia, che rientrerà con un giorno di ritardo.

Attenzione però, proprio per la regola dei 200 giorni chi farà ora più giorni di vacanza potrebbe scontare una piccola pena a fine anno oppure durante le vacanze pasquali. Basti pensare che sempre i ragazzi di Bolzano termineranno le scuole il 16 giugno e non il 9 o il 10 come tutti gli altri. Molte regioni, peraltro, fanno fare pochi giorni di vacanze ai propri studenti anche per “tenerli da parte” in caso di neve o di maltempo o per ridistribuirli per i ponti durante l’anno scolastico.

Buone vacanze ai nostri studenti allora, con un pensiero a chi, invece, affronta anche la sessione invernale.

#FacceCaso

Di Benedetta Erasmo

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0