Tempo di lettura: 3 Minuti

Credem vuole i giovani! 250 assunzioni entro il 2018

Credem vuole i giovani! 250 assunzioni entro il 2018

Buone notizie in arrivo: Credem sta assumendo neodiplomati e neolaureati, continua a leggere per scoprire i dettagli! Il Gruppo Credem vuole puntare

Palermo: l’Università assume 59 nuovi docenti
Enel assume 375 giovani
900mila ragazzi assunti: bella vita in Giappone

Buone notizie in arrivo: Credem sta assumendo neodiplomati e neolaureati, continua a leggere per scoprire i dettagli!

Il Gruppo Credem vuole puntare sui giovani, e non ha tutti i torti… entro la fine del 2018 saranno assunti 250 nuovi dipendenti e il 75% di questi saranno giovanissimi: neolaureati o addirittura neodiplomati!

Il Gruppo Credem

Credem è una degli istituiti bancari privati italiani più grandi. Nasce nel 1910 e con il tempo è andata espandendosi e migliorandosi puntando sempre sulle nuove tecnologie.

Negli ultimi tempi il Gruppo Credem è in una fase molto favorevole tanto che da tre anni a questa parte riceve il titolo di “Top Employer”.

Chi stanno cercando?

Puntare sui giovani: il profilo ricercato è quello di un ragazzo o ragazza con ottime conoscenze informatiche e un alto livello di inglese!

Il background o laurea devono essere in: discipline economiche, scientifiche o giuridiche.

Dove?

Il Gruppo Credem è presente in 19 regioni italiane, ma, in questo caso, le assunzioni riguardano solo alcune di queste: Emilia Romagna, Lombardia, Lazio, Campania e Sicilia.

Come funziona la selezione per entrare in Credem?

La selezione si compone di due fasi. Una videochiamata una giornata di colloquilavori di gruppo.

Una volta superata la videochiamata, i giovani selezionati saranno chiamati per essere valutati dal vivo. Durante la seconda fase saranno valutate le competenze dei candidati in termini di comportamenti e attitudini.

Quello dei lavori di gruppo come metodo di valutazione è una modalità che viene utilizzata sempre più spesso nelle selezioni: consente di valutare una persona mentre lavora, osservandone le capacità di relazione e confronto con il prossimo. Ciò consente di verificare la coerenza dei candidati con il profilo ricercato.

Molta importanza sarà data al livello di inglese e alle competenze informatiche!

E se vengo selezionato?

Una volta passate le due prima fasi di selezione, i neoassunti non saranno messi dietro ad una scrivania a lavorare. La prima fase è quella della formazione. L’azienda ci tiene a formare i propri dipendenti: pensate che solo nel 2017 sono state organizzate 41.300 giornate di formazione!

Io il CV proverei a inviarlo!

#FacceCaso

Di Chiara Zane

COMMENTS

WORDPRESS: 0
DISQUS: 0